Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 apr 2021

Per il Fisco la pandemia Covid non esiste. Le tasse continuano come prima

Confcommercio: Tari aumentata in dieci anni dell’80 per cento. Confedilizia chiede di poter scalare gli affitti

2 apr 2021
achille perego
Economia
featured image
Un barista
featured image
Un barista

Al tempo del Covid i soldi bisogna darli, non prenderli. Sono le parole con le quali il premier Mario Draghi ha accompagnato, nei giorni scorsi, il varo del nuovo decreto Sostegni. Ma la realtà per partite Iva e imprese, a cominciare da quelle del commercio e del turismo (le più colpite dalla pandemia), appare molto diversa. Perché, nonostante i contributi a fondo perduto, il mini-condono sulle cartelle esattoriali, il rinvio delle scadenze fiscali e qualche sconto d’imposta (dall’Imu al canone Rai), Stato ed enti locali i soldi continuano a incassarli. Come se non ci fosse stata – e non ci sia – nessuna emergenza Coronavirus. È il caso, per esempio, della Tari. Nel 2020, secondo l’Osservatorio tasse locali di Confcommercio, nonostante il blocco delle attività a causa del Covid e la drastica riduzione di rifiuti prodotti (oltre 5 milioni di tonnellate in meno), il costo totale della tassa rifiuti ha raggiunto il livello record di 9,73 miliardi, con un incremento dell’80% negli ultimi 10 anni. Confcommercio chiede così per il 2021 l’esenzione della Tari per le attività costrette a chiusure o riduzioni d’orario e denuncia anche la mancata applicazione del nuovo metodo di calcolo della tassa (basato sul ’chi inquina di più, paghi di più’) previsto dall’Arera (l’autorità del settore) e disatteso dall’80% dei principali Comuni. Col paradosso che il 58% di chi l’ha recepito, anziché ridurre la Tari ha applicato aumenti tariffari in media del 3,8%. Ma la tassa dei rifiuti non è l’unico adempimento fiscale che pesa sulle imprese anche in tempo di pandemia, per le quali, dal 30 aprile a giugno, ricorda Marcella Caradonna, presidente dell’ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Milano, comincerà un vero e proprio "incubo" tributario. A pesare maggiormente, avverte Vincenzo De Luca, responsabile fiscale di Confcommercio, sono Irpef e Irap, con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?