L’avvocata Tatiana Biagioni è la nuova presidente dei giuslavoristi italiani (Agi)
L’avvocata Tatiana Biagioni è la nuova presidente dei giuslavoristi italiani (Agi)
Licenziato per avere condiviso su Facebook un post che invitava alla visione della fiction "Svegliati amore mio" sulle conseguenze sanitarie e ambientali delle emissioni di un’acciaieria. È quel che è successo a un operaio di ArcelorMittal, Riccardo Cristello, 45 anni, padre di due figli. Anche se nella fiction l’acciaieria si chiama Ghisal e non come la ex Ilva di Taranto, l’azienda avrebbe ritenuto...

Licenziato per avere condiviso su Facebook un post che invitava alla visione della fiction "Svegliati amore mio" sulle conseguenze sanitarie e ambientali delle emissioni di un’acciaieria. È quel che è successo a un operaio di ArcelorMittal, Riccardo Cristello, 45 anni, padre di due figli. Anche se nella fiction l’acciaieria si chiama Ghisal e non come la ex Ilva di Taranto, l’azienda avrebbe ritenuto il post "lesivo e minaccioso" e tale da giustificare il licenziamento. Evitato invece da un collega che, nella stessa condizione, avrebbe chiesto scusa. Il caso ha sollevato l’immediata protesta dei sindacati fino allo sciopero, la solidarietà di Sabrina Ferilli, protagonista della fiction, e l’intervento del ministero del Lavoro che avrebbe avuto colloqui con i vertici di ArcelorMittal sollecitandoli a riconsiderare la posizione su Cristello che, comunque, avrebbe ribadito al direttore del personale di "non avere offeso nessuno" e quindi di non dover chiedere scusa.

Si può essere licenziati per aver invitato a seguire una fiction?

"Da quello che ho letto sui giornali – risponde l’avvocata Tatiani Biagioni, neo presidente dei giuslavoristi italiani (Agi) – mi sembra una decisione forte. La Costituzione sancisce la libertà di opinione. Nel rapporto dipendente-azienda, però, l’articolo 2119 del Codice Civile prevede il licenziamento per giusta causa, tra cui rientra il venire meno del vincolo di fiducia anche per comportamenti esterni al luogo di lavoro. Bisogna vedere se è avvenuto in questo caso".

La lesione al vincolo fiduciario è prevista anche dall’art. 7 dello Statuto dei lavoratori che prevede il licenziamento. Può scattare se parlo male dell’azienda su un social?

"Bisogna valutare caso per caso. Un conto è dire per esempio che i prodotti dell’azienda sono pessimi, un altro che possono essere migliorati. Resta il fatto che le affermazioni sui social sono più pericolose, perché scripta manent e il web raggiunge un pubblico molto ampio, aggravando quello che detto al bar passerebbe quasi inosservato".