Innovazione e sostenibilità sono le due chiavi per interpretare il futuro dell’agroalimentare. I due fronti sui quali investire risorse a partire da subito. Questa è la richiesta del settore, secondo quanto emerso dallo studio realizzato da SWG per OfficinaMPS, laboratorio permanente dedicato all’innovazione di Banca Monte dei Paschi di Siena, che ha messo in palio 25mila euro per start up e addetti ai lavori che saranno in grado di presentare progetti e soluzioni. Il modello di riferimento, insomma, è verde e ad alta tecnologia. Per le imprese del settore agroalimentare, innovazione vuol dire banda larga, energie rinnovabili, sensoristica, piattaforme digitali e strumenti per magazzini intelligenti.

Un tema fondamentale per la crescita, secondo l’85% degli imprenditori, ma anche strategico nell’immediato per uscire dalla crisi innescata dalla pandemia, secondo il 76%. Rafforzare quindi il valore tecnologico andando a cogliere le opportunità che le nuove tecnologie offrono, ma senza perdere di vista l’altro grande tema divenuto ormai un ‘mantra’ per tutto il settore primario, ovvero quello della sostenibilità, della cui centralità è convinto il 95% degli operatori. E sostenibilità per gli agricoltori significa ridurre gli impatti (inquinando meno, nonché diminuendo il consumo di acqua e suolo), ma anche prestare attenzione all’etica del modello produttivo. Se da una parte, quindi, l’input è di accorciare la filiera, dall’altra la relazione diretta con il consumatore offerta dall’e-commerce può risultare l’elemento determinante per allargare il target di riferimento anche per le aziende più piccole. Il concorso lanciato da OfficineMPS si concluderà a luglio.

"In linea con il percorso intrapreso dalla Banca e con gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite - affermano i responsabili - saranno valorizzate le idee innovative caratterizzate da un approccio sostenibile. Le sfide del mondo contemporaneo obbligano a ripensare il modello di sviluppo per contribuire a un benessere duraturo per tutti".

r. b.

© RIPRODUZIONE RISERVATA