L’Italia non basta più. I programmi internazionali di Italian Exhibition Group prevedono la prossima tappa in Sudamerica, con l’organizzazione – dal 14 al 16 aprile – di Ecomondo Brasil, la più importante piattaforma di soluzioni ambientali dello Stato di San Paolo, cuore pulsante dell’economia brasiliana. Sotto l’egida di Agenzia Ice, per l’occasione sarà organizzata e promossa una collettiva di imprese italiane. E poi, con il sistema Vicenzaoro, Ieg volerà in Estremo Oriente, in India e, a fine anno, negli Emirati Arabi con Vod Dubai International Jewellery Show, realizzata da Dv Global Link, joint venture Dubai World Trade Centre (Dwtc) e Italian Exhibition Group.

C’è molta fiducia a Ieg di veder confermate Cdepe, a Chengdu, con la green technology di Ecomondo–- fiera leader del settore in Europa – a settembre; Shanghai World Travel Fair (Swtf), una delle principali manifestazioni del turismo cinese, co-organizzata dalla Shanghai Municipal Administration of Culture & Tourism ed Europe Asia Global Link Exhibitions (Eagle) - joint-venture costituita da Italian Exhibition Group e Vnu Exhibitions Asia. Sul fronte interno, attesissima la prossima edizione di Mir-Tech (in programma alla Fiera di Rimini dall’8 al 10 marzo) per il mondo delle tecnologie del settore showbiz che sarà affiancata dal progetto Sport Technology; il 18 aprile Oroarezzo avrà la sua prima edizione dopo l’acquisizione di Ieg e sono attesi buyers da 90 Paesi, mentre il 28 aprile alla Fiera di Vicenza arriverà una edizione straordinaria di Koinè - International Exhibition of Sacred Arts che si affaccerà al mondo grazie alla partnership coi media che ruotano intorno al Vaticano.

Le fiere come strumento di politica industriale, ne sono convinti a Ieg: per il panorama delle imprese italiane rappresentano un fondamentale affaccio ai mercati esteri, visto che il 50% di esse, proprio grazie alle manifestazioni fieristiche, avvia relazioni di business oltre frontiera.

f. g.