Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
6 lug 2022

Navigator senza rotta: in 500 perdono il posto. "Il sussidio ha fallito"

Cinque regioni non hanno chiesto la proroga dei contratti. Il giuslavorista Del Conte, ex presidente dell’Anpal, volta pagina. "Grazie al Pnrr abbiamo le risorse per costruire politiche attive efficaci"

6 lug 2022
claudia marin
Economia
featured image
Il giuslavorista Del Conte, ex presidente dell’Anpal
featured image
Il giuslavorista Del Conte, ex presidente dell’Anpal

Roma, 6 luglio 2022 - Il reddito di cittadinanza continua a essere difeso a spada tratta dai grillini, ma la maggioranza degli addetti ai lavori lo considera un fallimento. Come stanno le cose? "Per quanto riguarda l’aiuto alla ricerca di una occupazione per i beneficiari del reddito, definirlo un fallimento è la cosa più onesta che si possa dire – avvisa Maurizio Del Conte (nella foto), professore ordinario di Diritto del lavoro alla Bocconi e regista della creazione dell’Anpal nella versione originaria – Se lo consideriamo, invece, per la parte dedicata al sostegno del reddito, non v’è dubbio che gli oltre venti miliardi di euro erogati nei primi tre anni di applicazione abbiano avuto un significativo effetto di contrasto alla povertà assoluta. Tanto più durante la pandemia. Anche se il meccanismo di assegnazione del beneficio economico ha mostrato gravi storture sia per quanto riguarda la platea dei destinatari che l’entità dell’assegno, penalizzando soprattutto le famiglie numerose". Perché ha fallito come strumento di accompagnamento al lavoro? "Perché invece di partire dalla ricostruzione della nostra debolissima rete di servizi per il lavoro, il legislatore ha pensato che si potessero bruciare le tappe intasando i malandati 554 centri per l’impiego sparsi nella Penisola con centinaia di migliaia di percettori del reddito, con il compito di trovargli un lavoro. Come previsto, l’operazione non solo è stata fallimentare per i beneficiari del sussidio, ma ha mandato in ulteriore sofferenza i centri per l’impiego, anche in quelle poche realtà (sì, ce ne sono) che si erano distinte per la qualità dei servizi resi ai disoccupati. Insomma, date le premesse, si è trattato di un fallimento ampiamente annunciato". È finita male anche l’operazione navigator? A che cosa sono serviti? "I navigator, nel senso delle persone che sono state reclutate con questo nuovo appellativo, sono state le prime vittime ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?