Mercoledì 22 Maggio 2024

Moto Guzzi V100. Il domani è ora tra stile e novità.

La Moto Guzzi V100 Mandello

La Moto Guzzi V100 Mandello

Una falcata decisa verso il futuro: è questo il biglietto da visita che presenta al megli la Moto Guzzi V100 Mandello. ’Cento’ come il primo secolo di storia del marchio. Secolo segnato da passione, competenza, innovazione, successi sportivi e commerciali che hanno permesso di costruire motociclette tra le più belle e amate al mondo. ’Cento’ come il secondo secolo appena iniziato. ’Cento’ per segnare, secondo la tradizione Moto Guzzi, la cilindrata del nuovo modernissimo propulsore.

Così la V100 Mandello apre un nuovo capitolo, sotto tutti i punti di vista, interpretando in maniera innovativa e con una differente visione il mondo delle sport-touring, con una proposta dalle dimensioni compatte e dalla guida dinamica e sportiva tipica delle migliori roadster, ma capace di restituire il comfort e la protezione delle moto da viaggio, grazie alla tecnologia e alle soluzioni aerodinamiche adottate.

Ma non è tutto. Macchè. La V100 Mandello è la prima Moto Guzzi a portare al debutto il nuovo propulsore battezzato ’compact block’, dalle raffinate e moderne caratteristiche tecniche. Gli obiettivi iniziali del progetto erano chiari: doveva essere un motore modernissimo per costruzione e prestazioni, pur rispettando la tradizione dell’architettura del bicilindrico a V trasversale di 90’, unica al mondo, che garantisce un’erogazione della coppia e un sound inimitabili. Un motore compatto e leggero per ottenere una ciclistica agile e sportiva.

Le prestazioni sono dichiaratamente sportive, grazie ad una potenza massima di 115 CV a 8.700 girimin e una coppia massima di 105 Nm a 6.750 girimin, con l’82% disponibile già da 3.500 girimin e il limitatore fissato a ben 9.500 girimin.

La tecnologia Moto Guzzi interviene poi ad aumentare il comfort e la protezione dall’aria con l’adozione, per la prima volta al mondo, di un sistema di aerodinamica adattiva che regola automaticamente la posizione dei deflettori presenti ai lati del serbatoio in dipendenza della velocità e del Riding Mode selezionato.

È uno sguardo verso il futuro per mettere a disposizione di tutti una tecnologia fino ad ora inesplorata nel settore delle due ruote. Si corre in direzione del Giappone per riaccendere i riflettori sul modello intermedio della famiglia Honda delle naked sportive ’Neo Sports Café’, – che comprende ai due estremi la CB1000R e la CB125R – e ovviamente la CB300R unisce allo stile personale e ad un equipaggiamento premium, le caratteristiche dinamiche ideali per divertirsi con poco impegno alla guida di una moto e distinguersi dalla massa delle naked di questo segmento.

Slanciata e compatta, sicuramente essenziale, la nuova CB300R esalta per il perfetto mix tra estetica e meccanica, leit motiv di tutta la gamma ’Neo Sports Café’ di cui la versione da 1000cc è la maggiore esponente. Dura e pura, ha carattere da vendere, come i ragazzi che la scelgono per crescere nella loro carriera su due ruote.

Il codino è corto ma senza sbalzo eccessivo tra le selle di pilota e passeggero, creando così una linea affusolata che termina con i maniglioni posteriori. Un design emozionante, con dettagli curati come i supporti delle pedane anteriori e posteriori in alluminio.

 

 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro