Venerdì 21 Giugno 2024

L’Oscar Italiano 2024 nel segno di Puccini tra Lucca e la Versilia

Il primo giugno verrà assegnato l’Oscar Italiano del Cicloturismo 2024, premio alle vie verdi che promuovono il turismo lento. La cerimonia si terrà tra Lucca e Viareggio, con un Bike Forum e criteri di eccellenza per premiare le green road. Scopo: valorizzare i percorsi e promuovere investimenti nel turismo a due ruote.

Il primo giugno prossimi, alla vigilia della Giornata Mondiale della Bicicletta di lunedì 3, verrà assegnato l’Oscar Italiano del Cicloturismo 2024, la nona edizione del premio che va ogni anno alle vie verdi delle Regioni che promuovono la vacanza su due ruote e il turismo lento. E fervono i preparativi per la premiazione che si terrà nell’ambito di una tre giorni tra Lucca e Viareggio, le terre di Giacomo Puccini – nell’anno del centenario della morte – che dà il nome anche alla medaglia d’oro dello scorso anno, la Ciclopedonale Puccini, prima ciclovia musicata che, fra tradizione e innovazione, raccoglie il patrimonio culturale e naturale tra Lucca e la Versilia.

La cerimonia del primo giugno sarà preceduta il 31 maggio da un Bike Forum con esperti di cicloturismo e, soprattutto, amministratori e operatori turistici locali per un momento di formazione e scambio di esperienze. Ogni regione può candidare fino a due vie verdi. I primi tre premi andranno alle green road con criteri di eccellenza e il punteggio più alto secondo vari parametri (progettazione, promozione, segnaletica, servizi green). È prevista la menzione di Legambiente e la giuria può assegnare altre menzioni qualora le candidature presentate lo rendessero significativo. Ogni ciclovia può essere ricandidata più volte, secondo il grado di sviluppo raggiunto negli anni.

L’Oscar del Cicloturismo non è una gara, ma ha lo scopo di spronare le amministrazioni locali a valorizzare i propri percorsi e promuovere gli investimenti nelle vacanze a due ruote creando nuovi flussi di turismo alto spendenti sui territori durante tutto l’anno. Un turismo che contribuisce al miglioramento della qualità della vita, incidendo sulla conservazione del suolo pubblico e sullo sviluppo economico, sociale e turistico.