Lunedì 17 Giugno 2024

Giovani e mobilità. Più consapevolezza per ridurre i rischi

Il giornale promuove l'importanza della sicurezza stradale per i giovani, con un evento che coinvolge esperti del settore e studenti, sottolineando l'importanza dell'educazione civica e delle norme del codice stradale nelle scuole.

La mobilità di oggi e di domani è uno dei temi più dibattuti in questo periodo. Il tema coinvolge non solo gli automobilisti di oggi ma, soprattutto, gli utenti della strada del futuro. Ecco perché il nostro giornale ha voluto accendere ancora una volta i riflettori sui temi della mobilità e di un approccio che richiami i giovani a una responsabilità e a una consapevolezza sulla sicurezza tutta nuova. Nasce con questo obiettivo ’Svolte. Sulla strada della sicurezza’, promosso per la giornata di oggi da QN Quotidiano Nazionale e SpeeD, in collaborazione con ACI Automobile Club d’Italia, Autostrade per l’Italia e Polizia di Stato. L’appuntamento è questa mattina con un doppio momento live e in diretta streaming. Nella sede del Talent Garden di via Ostiense a Roma, dopo l’introduzione e il saluto di Agnese Pini, Direttrice di QN Quotidiano Nazionale, il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno e Luce!, prenderà la parola Anna Paola Sabatini, Direttore Generale U.S.R. per il Lazio prima di passare il testimone a Raffaele Marmo, Condirettore di QN, che modererà la tavola rotonda dal titolo ’Mobilità di oggi e di domani, sulla strada della responsabilità’, che avrà come protagonisti Angelo Sticchi Damiani, Presidente Automobile Club d’Italia; Elisabetta Oliveri, Presidente Autostrade per l’Italia, Filiberto Mastrapasqua, Direttore del Servizio Polizia Stradale e Piero Misani, EVP and Chief Technical Officer Pirelli.

A seguire gli interventi di Renato Cortese, Direttore Centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria e per i Reparti Speciali della Polizia di Stato e di Matteo Salvini, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti prima che il collegamento passi all’Istituto IISS P. Calamandrei di Sesto Fiorentino dove, dopo aver assistito all’evento romano, Diego Casali, curatore di QN Mobilità, intervisterà il pilota di Formula 1 Andrea Montermini e instaurerà un dialogo con gli studenti presenti, che avranno la possibilità di ascoltare i preziosi consigli dell’ex pilota e al tempo stesso porre le domande a tutti i relatori. A fare da padrone di casa nella scuola fiorentina saranno presenti Francesco Ramalli, Dirigente Scolastico dell’Istituto; Roberto Curtolo, Dirigente Ufficio III U.S.R. Toscana e Teresa Madeo, Referente Educazione Stradale U.S.R. Toscana.

"L’ambizione del nostro giornale – afferma la Direttrice di QN Agnese Pini – è sensibilizzare i giovani e i lettori in genere alla responsabilità civica, individuale e sociale e il rispetto delle norme di educazione stradale. Ci rivolgiamo in particolare alle generazioni future ed è per questo motivo che il Gruppo Monrif veicolerà il messaggio forte e chiaro declinandolo nelle prossime settimane sulle pagine dei nostri quotidiani e sui i canali digitali".

"Credo che per insegnare a vivere come un buon cittadino è fondamentale far comprendere le norme fondamentali dell’educazione stradale per la propria e l’altrui sicurezza e incolumità – dichiara Anna Paola Sabatini – e sono convinta che la sicurezza stradale nelle scuole rientri a pieno titolo nell’educazione civica contribuendo alla diffusione dell’apprendimento delle conoscenze basilari per gli alunni che oggi sono pedoni e ciclisti e un domani saranno automobilisti". "L’obiettivo della promozione della cultura della sicurezza stradale nelle scuole è poter fornire ai ragazzi degli ’alert’ sul loro stile di vita come utenti della strada" aggiunge Roberto Curtolo.

"Con soddisfazione cogliamo questa opportunità che valorizza la collaborazione inter-istituzionale e il ruolo attivo che ogni attore assume per sostenere proficuamente la cultura della sicurezza stradale" illustra il preside Francesco Ramalli. "Il nostro paese ha elaborato un Piano Nazionale per la Sicurezza Stradale, approvato nel 2022, che condivide gli stessi obiettivi dell’Unione Europea ’Zero vittime’ sulle strade entro il 2050" dice Teresa Madeo. Le misure hanno come obiettivo la riduzione del numero e delle conseguenze degli incidenti stradali, l’insegnamento delle norme del codice stradale nelle scuole di ogni ordine e grado. I destinatari sono i bambini e i ragazzi, per i quali è opportuna la conoscenza dei segnali per andare in giro a piedi, in bici o in motorino, con prudenza e opportune capacità".