Produzione auto, uno stabilimento Audi in Ungheria (Ansa)
Produzione auto, uno stabilimento Audi in Ungheria (Ansa)

Roma, 17 giugno 2020 - Nel mese di maggio, a causa della crisi prodotta dal Coronavirus, in Europa Occidentale (Ue, Regno Unuto, Efta) sono state immatricolate 623.812 auto rispetto a 1.444.173 dello stesso mese del 2019. Il calo è del 56,8%. Il totale del periodo gennaio-maggio è 3.969.714, pari a una contrazione del 42,8% sullo stesso periodo dell'anno scorso. I dati sono dell'Acea, l'associazione del costruttori europei. Il mercato che registra il peggior risultato è il Regno Unito (-89%), seguito da Spagna (-72,7%), Francia (-50,3%), Italia (-49,6%) e Germania (-49,5%).

Il gruppo Fca ha immatricolato a maggio, nella stessa zona, 44.099 auto a fronte delle 101.498 dello stesso mese del 2019, il 56,6% in meno. La quota è stabile al 7,1%. Da inizio anno le auto vendute dal gruppo sono 225.592, pari a un calo del 49,9% con la quota che scende dal 6,5 al 5,7%.

E nel mese di aprile, in pieno lockdown - stima l'Istat -, il fatturato dell'industria diminuisce del 29,4% rispetto al mese di marzo e del 23,9% nella media degli ultimi tre mesi rispetto a quella dei tre mesi precedenti. Il fatturato diminuisce del 46,9% rispetto all'aprile dello scorso anno. È ampio il calo degli ordinativi nello stesso mese: si registra una flessione del 32,2% su base mensile e del 27,7% su base trimestrale. Nel confronto annuo, l'indice grezzo degli ordinativi segna una caduta del 49,0%.