ROMA

ECONOMIA CIRCOLARE, robotica, intelligenza artificiale e IoT, l’internet delle cose, cioè la tecnologia che consente di collegare al web e comandare a distanza molti oggetti utilizzati nella vita quotidiana come le automobili o gli elettrodomestici. Sono alcuni dei temi che verranno trattati nella prossima edizione di Maker Faire Rome (MFR) – The European Edition (https:2019.makerfairerome.eu), l’evento europeo più importante dedicato all’innovazione tecnologica, che verrà raccontata in modo semplice e informale. La manifestazione giunge quest’anno alla sua settima edizione ed è organizzata dalla Camera di Commercio di Roma, attraverso la sua azienda speciale Innova Camera.

«MAKER FAIRE ROME è una grande piattaforma e un grande momento di networking dove l’innovazione dall’alto si incontra con l’innovazione dal basso», dice Lorenzo Tagliavanti (nella foto), presidente della Camera di Commercio di Roma, «è un luogo dove la tecnologia è alla portata di tutti e un’occasione di incontro, formazione e business». Si comincia il 17 ottobre con la conferenza di apertura gratuita alla quale partecipano leader di calibro internazionale che rappresentano i temi di cui la manifestazione si fa portavoce. Molto nutrita la rappresentanza di innovatrici al femminile. Alla mattina di venerdì 18 ottobre MFR partirà con l’Educational Day, appuntamento di formazione gratuita per scolaresche da tutta Italia.

Poi, a partire dal pomeriggio, Maker Faire aprirà le porte al grande pubblico, in sette padiglioni a tema per una superficie espositiva di oltre 100mila metri quadri. Oltre ai temi sopracitati, tra i contenuti di MFR sarà dedicato spazio anche a quelli che in gergo tecnico vengo chiamati foodtech, agritech, sportech ed edtech, cioè l’applicazione dell’innovazione tecnologica al mondo alimentare, all’agricoltura, allo sport e all’ edilizia. Senza dimenticare ovviamente quella che oggi viene definita economia circolare: decine di aziende presenti alla manifestazione dimostreranno concretamente come coniugare impresa, manifattura e sostenibilità esponendo i loro prodotti, i loro progetti e le loro tecnologie.

QUEST’ANNO un ruolo importante lo avrà anche l’arte contemporanea grazie a MakerArt: una successione d’installazioni interattive lungo il percorso della manifestazione, pensate per coinvolgere il pubblico e rappresentare i tanti e diversi modi di interpretare la cultura dell’innovazione tecnologica. Maker Faire Rome . he European Edition includerà il primo incontro dell’Associazione I-RIM (Istituto di Robotica e Macchine Intelligenti), che riunisce tutti gli attori italiani del mondo della Robotica e delle Macchine Intelligenti, dalla ricerca più visionaria all’industria più aperta alle tecnologie avanzate. In particolare i ricercatori dell’IIT presenteranno robot umanoidi, animaloidi e industriali, ma anche robot chirurgici, protesi, esoscheletri e tecnologie per la didattica, che hanno varie applicazioni in diverse attività umane, dalla medicina alla produzione di beni di largo consumo.