"Controlliamo i droni in volo con soluzioni smart"

IL SETTORE dei droni è in piena, fortissima espansione: vengono utilizzati per i più diversi scopi, anche commerciali o di...

IL SETTORE dei droni è in piena, fortissima espansione: vengono utilizzati per i più diversi scopi, anche commerciali o di monotraggio del territorio. Dai dati EASA (European Union Aviation Safety Agency) emerge che in Europa al 2023 sono registrati 1.500.000 droni ed in Italia circa 90mila. Nel 2030 si arriverà, secondo le stime, a quasi 3 milioni di droni nei cieli europei e 164mila in quelli italiani. Per questo la loro gestione e regolamentazione è un aspetto fondamentale dell’operatività. Un riconoscimento importante a STRADAai, una start up italiana specializzata nel controllo dinamico dei voli di droni tramite applicazioni digitali, è arrivato dall’ ‘UMEX SIMTEX 2024’ ad Abu Dhabi, l’unico evento in Medio Oriente dedicato a droni, robotica, componenti e sistemi senza pilota.

STRADAai è infatti arrivata seconda nel premio dedicato all’innovazione ‘UMEX NextGen’. Alla competizione hanno partecipato più di 20 startup innovative provenienti da sette paesi portando sul mercato le loro soluzioni all’avanguardia. STRADAai, unica start-up italiana ad arrivare sul podio, ha presentato alla giuria un progetto che punta a supportare le operazioni con droni e i servizi U-space, mettendo a disposizione degli operatori soluzioni all’avanguardia di intelligenza artificiale come UTM, Digital Twin, BIM e Realtime 3D Mapping.

"Questo premio - ha spiegato Giulio Segurini, founder e CEO di STRADAai (al centro nella foto grande, dopo la premiazione) rappresenta il coronamento del nostro impegno". Perché la start up nasce con una vocazione fortemente internazionale: "L’obiettivo che ci siamo posti fin dalla nascita di STRADAai – prosegue Segurini – è quello di diventare leader non solo nel mercato italiano o europeo, ma anche in quello africano e del Medio Oriente nella fornitura di servizi legati alla gestione dello spazio aereo per i droni U-space".

"Un premio che certifica il valore del nostro progetto – ha aggiunto Simone Menicucci (a destra nella foto grande), founder e Head of Regulatory Affairs di STRADAai – è evidente che quello dei droni è un mercato dal grandissimo potenziale. La normativa sul controllo dei voli è ormai una realtà ed infatti qualunque operatore droni che voglia lavorare all’interno dello U-space è obbligato ad appoggiarsi ad un fornitore che offra specifici servizi. STRADAai, grazie anche alla collaborazione con il nostro partner statunitense Aloft, che gestisce il 90% del mercato delle autorizzazioni al volo dei droni in Usa, dispone dell’unica piattaforma pronta già da ora ad offrire tutti i servizi necessari".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro