La pandemia da Covid-19 mette in difficoltà molte aziende, ma il lusso fa storia a sé. Esempio lampante ne è Lvmh: la multinazionale francese proprietaria di oltre settanta brand di lusso, tra cui Louis Vuitton, Dior, Bulgari, Fendi, Kenzo (solo per citarne alcuni), in tre mesi ha visto la sua capitalizzazione crescere di circa 42 miliardi di euro. Il gruppo di Bernard Arnault conta infatti una capitalizzazione di 258,18 miliardi di euro, ben oltre i 216 miliardi dell’ottobre scorso. La crescita in Borsa a Parigi del titolo dell’impero francese del lusso è stata forte da novembre, con un picco l’8 gennaio a 525,3 euro e la chiusura di settimana a 511,5 euro (+0,7%) a Parigi (-0,5%).

Lvmh non è stato però l’unico titolo a guadagnare. Negli ultimi mesi la crescita di Hermes International, che vanta una capitalizzazione di 92,43 miliardi di euro, è stata costante, con un massimo toccato lo scorso 14 gennaio a 897 euro, mentre ha chiuso la settimana in Borsa a Parigi a 875,6 euro.