Dal bosco allo smartphone. Grazie ai nuovi focolari hi-tech è oggi possibile accendere un fuoco con il cellulare anche stando dall’altra parte del pianeta. Un incontro tra tradizione e tecnologia che offre diversi vantaggi cambiando la classica idea di utilizzo del legno. In un’epoca in cui la domotica è sempre più presente nelle case degli italiani, anche chi sceglie di tornare al legno può usufruire di tutte le comodità. Gli ultimi modelli di stufe a legno e pellet permettono, infatti, di gestire gli apparecchi da remoto grazie ad applicazioni che, attraverso la connessione internet, attivano una comunicazione diretta con l’apparecchio. Se si esce di casa dimenticandosi di spegnere la stufa basterà dare il comando con il cellulare e, allo stesso modo, se si vuole trovare la propria abitazione calda al rientro, basterà programmarne l’accensione.

È possibile, inoltre, impostare la temperatura su base giornaliera o settimanale e scegliere le fasce orarie di funzionamento. Sarà poi la stufa a gestire automaticamente tutti i suoi parametri per garantire il comfort desiderato. Quando si è dentro casa la maggior parte dei modelli possono essere usati con il proprio cellulare anche senza bisogno della connettività internet. Basta un app e un dispositivo da collegare alla stufa per trasformare lo smartphone in un telecomando evoluto.

g. p.