11 apr 2022

Lo smart working fa i conti con la fine dell’emergenza

LA FINE DELLO STATO di emergenza si avvicina e questo comporta un incremento del dibattito sullo smart working. È di questi giorni la notizia di una proposta di legge, approvata dalla Commissione Lavoro della Camera, volta a modernizzare l’istituto rendendolo più simile alle modalità con cui negli ultimi anni è stato utilizzato dalle imprese e percepito dai lavoratori. Alla luce dell’estensione della (probabile) ‘modalità semplificata’ sino al prossimo 30 giugno, dal primo luglio tornerà ad essere necessaria non solo la forma scritta del relativo accordo ma anche, e soprattutto, il consenso del lavoratore. Consenso che non sembra difficile da ottenere considerato che la larga maggioranza dei lavoratori ha apprezzato la flessibilità e la maggiore autonomia nello svolgimento della propria attività. Anche lato imprese si rileva un apprezzamento per lo strumento che permette di avere personale più soddisfatto e un risparmio nei costi di struttura. L’interesse che si è creato intorno all’istituto è confermato dal fatto che a dicembre è stato oggetto di un protocollo firmato dalle parti sociali, su sollecitazione del ministero del Lavoro, che prevede quale requisito essenziale che gli accordi individuali recepiscano quanto eventualmente definito dagli accordi collettivi sul lavoro agile. Al fine di rendere più fruibile questa modalità di svolgimento della prestazione, è notizia di questi giorni l’approvazione di un emendamento alla legge di conversione del cosiddetto decreto Sostegni ter per cui continuerà ad essere possibile comunicare, in via telematica al ministero del Lavoro, solo i "nominativi dei lavoratori e la data di inizio e cessazione delle prestazioni di lavoro in modalità agile". Non sarà quindi necessario che l’accordo sia raccolto e inviato con tutti i pdf degli accordi individuali sottoscritti con i singoli, sebbene rimanga per l’azienda l’obbligo di conservazione. È indubbio che il si esposto contesto sia da accogliere positivamente, sebbene sia altrettanto indubbio che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?