18 gen 2022

Quali sono i lavori del 2022? La classifica di LinkedIn

Il social network ha svelato la classifica delle 25 professioni in ascesa in Italia: ecco quali sono i lavori del futuro nel nostro Paese

Le posizioni lavorative in crescita
Le posizioni lavorative in crescita

Come si muove il mercato del lavoro? Quali sono le professioni emergenti? LinkedIn ha svelato le 25 posizioni lavorative in ascesa in Italia. Ingegneri, architetti del cloud, consulenti di data management, cyber security specialist, clinic manager, gestori degli investimenti, payroll specialist e addetti all'assistenza dei clienti: ci sono questi tra i lavori più richiesti per il futuro. Scopriamo la classifica completa. 

La classifica di LinkedIn sui lavori in ascesa in Italia
La posizione lavorativa più in crescita nel nostro Paese – analizzando i dati di LinkedIn da gennaio 2017 a luglio 2021 – è quella dell’ingegnere robotico, una figura professionale che si occupa della progettazione, della costruzione e del collaudo di robot. Al secondo posto di questa speciale classifica troviamo un altro ingegnere, stavolta del machine learning, professionisti del settore IT che si concentrano sui sistemi di intelligenza artificiale. Sul gradino più basso del podio troviamo il cloud architect, capace di progettare e costruire ambienti cloud scalabili e resilienti.

Le altre posizioni lavorative in crescita in Italia
Quarto posto per il Data engineer, l’ingegnere esperto di dati, quinto per il manager della sostenibilità, per supervisionare l'implementazione delle strategie di sostenibilità; sesto posto per il consulente di data management, settimi gli analisti delle risorse umane, ottavi i talent acquisition specialist, noni i software account executive e decimi gli specialisti di sicurezza informatica.
Subito fuori dalla top ten dei lavori in ascesa in Italia troviamo il banker, seguito dai data scientist (esperti di big data) e dagli sviluppatori back-end, che si occupano del “dietro le quinte” di una pagina web.
Nella classifica di LinkedIn troviamo poi i product manager, i clinic manager (specializzati in ambito sanitario), i consulenti di vendita al dettaglio, i business developer, i client manager, i gestori degli investimenti e gli ingegneri full stack, competenti nello sviluppo del software.
Chiudono la graduatoria gli infrastructure architect, i payroll specialist (che si occupano delle buste paga), gli sviluppatori front-end, i consulenti ERP (Enterprise Resources Planning, per i software gestionali delle imprese) e, dulcis in fundo, gli addetti all'assistenza dei clienti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?