Lavazza (in foto il ceo Antonio Baravalle) ha corrisposto per il 2020 premi per 3.500 euro a tutti i 600 collaboratori degli stabilimenti di Torino e Gattinara (Vercelli) che si vanno ad aggiungere ai bonus riconosciuti nei mesi di marzo e aprile 2020 pari a 500 euro per il lavoro svolto in presenza durante il periodo più critico del Covid-19. Si tratta del premio per obiettivi più alto mai erogato nella storia del gruppo. Per i collaboratori dell’impianto di Pozzili (Isernia), specializzato nel processo di decaffeinizzazione naturale del caffè, è previsto un premio di 2.500 euro, anche in questo caso il più alto di sempre, e che si aggiunge al bonus di 500 euro erogato per i mesi di marzo e aprile 2020. Anche per i collaboratori del Centro direzionale il premio raggiunge i 2.500 euro, grazie ai risultati economici complessivi conseguiti dal gruppo nel corso del 2020, nonostante la complessa situazione di mercato conseguente alla pandemia.

I collaboratori possono scegliere se ricevere il premio in denaro oppure fruire del premio attraverso un’offerta di servizi welfare per loro e le loro famiglie con un ulteriore bonus del 10%. "Questo premio riconosce gli obiettivi raggiunti e lo straordinario lavoro svolto dalle nostre persone che hanno garantito con continuità, anche in un anno segnato dall’emergenza sanitaria, la produzione, la qualità e la disponibilità dei nostri prodotti", commenta Enrico Contini, capo delle risorse umane.