La Commissione Ue ha formalizzato la proposta di istituire una nuova Autorità per contrastare il riciclaggio di denaro sporco (Amla). Il 10 giugno scorso il presidente dell’Abi Antonio Patuelli (foto) e il direttore generale Giovanni Sabatini avevano scritto al governo chiedendo che assumesse l’iniziativa presso l’Unione Europea affinchè l’Autorità abbia sede in Italia, dove operano importanti comunità finanziarie e di alti studi giuridici ed economici. Patuelli e Sabatini sottolineavano che in Germania ha sede la Bce, in Francia l’Autorità bancaria europea, mentre l’Italia finora non ospita alcuna autorità finanziaria europea.