Sei stabilimenti in Italia, con 44 linee di imbottigliamento, due stabilimenti di proprietà in Spagna, uno in Polonia, uno in Ungheria, copertura di tutti i canali distributivi da quelli classici (Gdo, ingrosso, normal trade, Ho.Re.Ca.) fino alla distribuzione automatica grazie a una gamma molto ampia di marchi e di formati. Tutti i segmenti del mercato del beverage analcolico sono presidiati da San Benedetto, dalle acque alle bibite gasate, dal the agli sport drink, dalle acque toniche ai succhi fino agli aperitivi. Per il quinto anno consecutivo San Benedetto è gruppo leader del beverage analcolico. Ha l’11,3% nell’acqua minerale, il 29,3% nel the freddo, il 31,1% nelle bibite gasate, e con il brand Energade il 38% nella categoria sport drinks. Ma in azienda, dicono, è vietato sedersi sugli allori. Bisogna sempre sforzarsi di inventare qualcosa di nuovo e di diverso, intercettare i gusti dei consumatori. L’ultima nata nel mercato delle "near water", settore che negli ultimi anni cresce a doppia cifra, la "San Benedetto Skincare" ha vinto il Global Water Drinks Awards 2020, prestigioso riconoscimento internazionale dedicato all’industria dell’acqua imbottigliata. Skincare non è una semplice acqua. È una bevanda in acqua minerale naturale arricchita dalle proprietà del collagene, zinco e acido ialuronico. La si potrebbe definire un’acqua di bellezza. È ovviamente priva di conservanti o coloranti, ha un gusto alla pesca e frutti rossi e un formato da 22 cl in un packaging modaiolo, pensato per le esigenze delle consumatrici. L’innovazione è anche questa, inventarsi un’acqua che non è solo acqua e che non ha niente a che fare con l’acqua che esce dal rubinetto e con l’acqua della concorrenza.

Innovazione è anche, parlando di un altro prodotto lanciato ultimamente, essere fra i primi a mettere l’acqua dove non era mai stata, e cioé in lattina. Lattine in alluminio, riciclabili al 100%, in grado di conservare al meglio tutte le proprietà organolettiche del prodotto, gradite da una larga fascia di consumatori che chiedono alternative alla plastica. La novità è stata particolarmente apprezzata nel mercato d’Oltreoceano. Il formato lattina è stato scelto da San Benedetto anche per la linea premium Antica Fonte della Salute riservato al mondo della ristorazione. Ma la parte della protagonista la fa un’altra innovazione ecosostenibile rappresentata dalla linea Ecogreen, prodotti con il 100% di emissioni di CO2 compensate e realizzata con il 50% di plastica riciclata. L’azienda ritiene di avere grandi opportunità di crescita sui mercati esteri. L’ambizione è quella di entrare nella lista ristretta dei primi player di riferimento nei principali mercati mondiali dell’acqua importata. Negli Stati Uniti, ad esempio, dove San Benedetto è già presente in oltre 4 mila punti vendita e negli hotel e ristoranti, l’obiettivo è quello di raddoppiare in cinque anni. Bene anche Germania e Israele, grandi speranze da Russia e Cina. L’anno scorso l’export ha rappresentato il 7% del fatturato complessivo del Gruppo.

Giuliano Molossi