Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Istat, disoccupazione al minimo dal 2012. Brusca frenata della produzione industriale

Occupazione torna ai livelli pre-crisi. Ma crescono soprattutto i contratti a termine. A luglio produzione in calo dell'1,8% rispetto a giugno: prima contrazione dal 2016

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 12:03
Operaio al lavoro (Imagoeconomia)

Roma, 12 settembre 2018 - Cala la disoccupazione, sale l'occupazione e raggiunge i livelli 'pre crisi' del 2008. Ma a crescere sono soprattutto i contratti a termine, a fronte del calo degli indeterminati. E' la fotografia del mondo del lavoro in Italia scattata dall'Istat nel secondo trimeste del 2018. Sempre oggi l'istituto di statistica ha diffuso i dati sulla produzione industriale a luglio 2018, registrando una "brusca discesa" con un calo dell'1,8% rispetto a giugno e una flessione dell'1,3% anche rispetto a luglio 2017 (nei dati corretti per effetti di calendario). Si tratta della prima contrazione tendenziale a partire da giugno 2016, due anni fa, e del risultato peggiore da oltre tre anni, a partire da gennaio 2015 (-1,8%). I dati grezzi segnano invece +1,8%.

OCCUPAZIONE - Nel secondo trimestre del 2018 l'occupazione cresce "a ritmi sostenuti", comunica l'Istat, con un aumento di 203 mila occupati rispetto al trimestre precedente (+0,9%, nei dati destagionalizzati). L'andamento tendenziale mostra una crescita di 387 mila occupati (+1,7% in un anno), concentrata tra i dipendenti a termine a fronte del calo di quelli a tempo indeterminato (+390 mila e -33 mila, rispettivamente) e della crescita degli indipendenti (+30 mila).

Il secondo trimestre di quest'anno, commenta l'Istat, è caratterizzato da un "un deciso aumento dell'occupazione rispetto al trimestre precedente", in un contesto di diminuzione della disoccupazione e dell'inattività. E dopo 10 anni si raggiunge e supera il livello pre-crisi. "Nel secondo trimestre 2018 - sototlinea l'Istituto di statistica - si contano 205 mila occupati in più rispetto al secondo trimestre 2008. Si è raggiunto e superato il numero degli occupati del secondo trimestre 2008 e il tasso di occupazione 15-64 anni non destagionalizzato è tornato allo stesso livello (59,1% in entrambi i periodi). Negli ultimi dieci anni si sono manifestate profonde trasformazioni nella composizione". Allo stesso livello di occupati del 2008 corrisponde una maggiore presenza di dipendenti (77%; +2,8 punti), in particolare a termine (13,4%; +3,1 punti) e di lavoratori a tempo parziale (18,7%; +4,1 punti).

DISOCCUPAZIONE - Sempre nel secondo trimestre 2018, il tasso di disoccupazione scende al 10,7% e tocca il livello più basso da sei anni. Per trovare un risultato più basso bisogna tornare al secondo trimestre del 2012 (10,6%). Rispetto al trimestre precedente il calo è di 0,2 punti percentuali e rispetto all'anno precedente di 0,3 punti. Nel confronto tendenziale, per il quinto trimestre prosegue - con minore intensità - la diminuzione dei disoccupati (-34 mila in un anno, -1,2%) che riguarda soltanto il Mezzogiorno.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.