Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 giu 2022

Tassonomia Ue, la pagella verde

20 giu 2022

ENTRERÀ in vigore nel 2023, ma gli istituti di credito stanno già ricevendo sollecitazioni dalla Banca d’Italia per iniziare a rendicontare la classificazione del proprio attivo in termini di sostenibilità. La tassonomia finanziaria approvata dal Parlamento Ue è il punto di riferimento degli investimenti e il fattore fondamentale per lo sviluppo di una finanza green anche per gli intermediari finanziari. In pratica, una guida per determinare quali attività economiche e finanziarie potranno essere classificate come sostenibili. Finora, che un investimento rispondesse a criteri di sostenibilità, meritandosi l’etichetta ESG (Environmental, Social, Governance) lo stabiliva l’emittente o il mercato con il pericolo che un prodotto finanziario si desse una ‘verniciata di verde’ (greenwashing), senza avere un vero contenuto legato a investimenti sostenibili.

Secondo la tassonomia, un’attività economica può essere considerata eco-sostenibile se, tra le altre cose, contribuisce in misura sostanziale ad almeno uno dei sei obiettivi ambientali europei: mitigazione del cambiamento climatico, adattamento al cambiamento climatico, uso sostenibile e protezione delle risorse idriche, transizione verso una economia circolare, riduzione dell’inquinamento, protezione della bio-diversità. La tassonomia targata Ue dovrebbe permettere di superare questa situazione, fornendo un linguaggio comune ai diversi operatori: imprese, intermediari finanziari, investitori. L’Europa si pone così all’avanguardia sul fronte della sostenibilità: la Commissione ha stimato che il raggiungimento degli obiettivi fissati nel percorso verso un’economia più rispettosa dell’ambiente (Agenda 2030) richieda investimenti annui vicini ai 520 miliardi di euro, a cui devono contribuire anche le risorse private.

Inoltre la tassonomia fornisce la base per l’European Green Bond Standard, che definisce i criteri da rispettare per emettere obbligazioni ‘verdi’, cioè destinate al finanziamento di attività sostenibili: queste dovranno essere allineate alla tassonomia. Gli intermediari finanziari che offrono prodotti finanziari sostenibili, quali i fondi di investimento ESG, avranno perciò l’obbligo di informare in quale misura percentuale gli investimenti finanziati da quei prodottiportafogli siano allineati alla tassonomia.

Andrea Ropa

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?