Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 mag 2022

Polizze contro i rischi climatici in agricoltura

16 mag 2022
COLDIRETTI STIMA I DANNI Coldiretti stima che nel 2021 l’andamento climatico anomalo abbia causato oltre 2 miliardi di danni nelle campagne, senza contare gli effetti sull’indotto
Danni nelle campagne
COLDIRETTI STIMA I DANNI Coldiretti stima che nel 2021 l’andamento climatico anomalo abbia causato oltre 2 miliardi di danni nelle campagne, senza contare gli effetti sull’indotto
Danni nelle campagne

I CAMBIAMENTI climatici stanno condizionando sempre più il mondo dell’agricoltura. Negli ultimi due anni in Italia – come evidenziano i dati Ismea – si è registrato un aumento della temperatura media nazionale (+1,04°C rispetto alla media 1981-2010) e si sono susseguiti episodi di siccità in primavera e in autunno, gelate tardive, ondate di calore e grandinate con intensità differente a livello territoriale. Coldiretti stima che nel 2021 l’andamento climatico anomalo abbia causato oltre 2 miliardi di danni nelle campagne, senza contare gli effetti sull’indotto della filiera. Uno scenario di rischio crescente al quale non corrisponde, tuttavia, nel nostro Paese un’adeguata copertura assicurativa da parte delle imprese agricole. Su quasi 705mila aziende agricole beneficiarie di pagamenti della Pac – come rilevato da Ismea – nel 2020 se ne sono assicurate meno di 80mila, circa l’ 11%. Considerando le sole colture, il mercato assicurativo agricolo agevolato esprime, il 21% del valore della produzione delle coltivazioni vegetali e, in ettari, circa il 10% della superficie agricola utilizzata. Il mercato si caratterizza per un elevato grado di concentrazione, sia in termini di prodotti sia di territori. Uva da vino, mele, mais, riso e pomodoro da industria rappresentano quasi il 70% dei valori assicurati. Sono riconducibili, inoltre, alle sole regioni del Nord Italia circa l’80% dei valori assicurati per le colture vegetali e circa l’86% delle superfici assicurate. Considerando la rilevanza strategica che il settore agricolo riveste nel nostro Paese (secondo le stime del Crea l’intero sistema agro-alimentare vale in media oltre 522 miliardi di euro, pari a oltre il 15% del Pil italiano) il sistema pubblico ha cercato di incentivare il ricorso a strumenti di gestione del rischio da parte degli agricoltori. Se questi ultimi decidono di assicurarsi, e la copertura assicurativa rispetta determinate condizioni fissate dal Piano di Gestione del rischio emanato annualmente dal ministero ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?