9 mag 2022

Il futuro dello sviluppo al Salone del Risparmio

Il futuro dello sviluppo al Salone del Risparmio
Il futuro dello sviluppo al Salone del Risparmio

"UMANO, responsabile, digitale. Lo sviluppo economico e sociale del prossimo decennio". È il titolo scelto per l’edizione 2022 del Salone del Risparmio, la più importante manifestazione italiana dedicata al mondo della finanza e degli investimenti, che si svolgerà a Milano dal 10 al 12 maggio prossimi. La location è la stessa delle precedenti edizioni: il centro congressi Mi.Co-Milano Convention Center dove Assogestioni, l’associazione rappresentativa delle maggiori società di gestione del risparmio attive in Italia, ha messo in cantiere un fitto programma di incontri, con 140 marchi presenti e più di 120 conferenze in programma, per un totale di oltre 400 relatori nazionali e internazionali. Anche per questa edizione, è stato scelto un format ibrido. Chi non potrà o non vorrà seguire gli eventi dal vivo potrà farlo infatti anche a distanza, attraverso i canali digitali, in diretta streaming su FR|Vision, piattaforma video dedicata al risparmio gestito. Il modello ibrido, che è stato sperimentato con successo durante la scorsa edizione, per Assogestioni ha infatti garantito la partecipazione di un pubblico ancora più ampio del solito.

Come testimonia chiaramente il titolo del Salone, nell’edizione 2022 dell’evento Assogestioni ha voluto puntare i riflettori sul fattore umano, considerato dagli organizzatori "primo motore della creazione di valore e della crescita sociale. Un modo per interpretare la sostenibilità nel suo senso più pieno e mettere al centro del dibattito le persone, i professionisti, la loro capacità di creare, interpretare e adeguarsi ai processi di cambiamento guidati dall’innovazione e dalla digitalizzazione". Il tema sarà approfondito come di consueto nel corso della conferenza plenaria che darà il via alla manifestazione, in programma martedì 10 maggio alle 10:00. Sarà aperta da Carlo Trabattoni, neopresidente di Assogestioni e vedrà il saluto istituzionale del ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao. Durante l’incontro verrà esplorato il contesto in cui oggi l’industria del risparmio gestito e tutte le attività economiche vengono chiamate a ripensare i propri modelli perseguendo obiettivi di impatto sulla società. Il dibattito sarà animato dall’intervento di Rachel Botsman, trust expert e author lecturer della Oxford University, che affronterà il tema della fiducia e le leve attraverso le quali questa viene costruita.

Infine, l’appuntamento di apertura si concluderà con una tavola rotonda alla presenza dei vicepresidenti di Assogestioni che sono anche top manager di importanti società di gestione del risparmio attive in Italia: Cinzia Tagliabue (nella foto a sinistra) di Amundi, Saverio Perissinotto (nella foto al centro) di Eurizon Capital e Giovanni Sandri (nella foto a destra) di BlackRock, i quali rifletteranno sul ruolo che l’industria del risparmio gestito, un asset che vale 2.500 miliardi, deve assumere nello sviluppo economico e sociale, in un contesto in evoluzione tra transizione sostenibile, rivoluzione digitale e, soprattutto, sviluppo del capitale umano.

Anche quest’anno, il Salone del Risparmio si svolgerà attraverso sette diversi percorsi tematici, che raggruppano ciascuno a loro volta una serie di conferenze e appuntamenti: Asset allocation e strategie d’investimento; Mercati privati ed economia reale; Distribuzione e consulenza; Sostenibilità e capitale umano; Previdenza complementare; Educazione e formazione; Innovazione e digitalizzazione.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?