Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
23 mag 2022

"C’è il rischio di stagflazione, non ripetere gli errori degli anni Settanta"

23 mag 2022

BACK TO THE FUTURE. Aurélien Goutsmedt, storico dell’economia e ricercatore all’università di Lovanio, specializzato nel fenomeno della stagflazione, vede molte analogie fra la situazione presente e la crisi energetica degli anni Settanta. In Europa si parla sempre più di stagflazione. È giustificato? "La stagflazione è associata agli anni ‘70. Il termine emerse alla fine degli anni ‘60 nel Regno Unito, per descrivere un fenomeno tipico delle economie sviluppate. Oggi ci troviamo ad affrontare lo stesso dilemma posto negli anni Settanta, in termini di politiche economiche. Siamo di fronte a uno shock di offerta negativo, vale a dire un rallentamento della crescita accompagnato da un aumento dei prezzi. Questo può portare alla stagflazione. L’inflazione è in aumento, così come la disoccupazione, una dinamica che non accade in tempi ‘normali’. In termini di politica economica, questo significa che dobbiamo giocare con due variabili che di solito si muovono in direzioni opposte. Se cerchiamo di compensare l’inflazione, rischiamo di aumentare la disoccupazione; se promuoviamo la ripresa, rischiamo di aumentare l’inflazione. Bisogna quindi trovare un compromesso". L’attuale crisi energetica può essere paragonata agli shock petroliferi del 1973 e del 1979? "Naturalmente, ci sono differenze e punti in comune. Ma ci sono due grandi questioni che stiamo riscoprendo. In primo luogo, la questione della dipendenza energetica e il ruolo cruciale che l’energia gioca nelle nostre economie. Questa domanda è diventata meno importante negli anni ‘80 e ‘90, ma possiamo vedere che sta tornando alla ribalta oggi. L’energia occupa un posto enorme nelle nostre economie e può avere impatti profondi e sistemici, anche se rappresenta una parte relativamente minore delle nostre spese. Poi, si riscopre che l’energia (e quindi l’inflazione) è una questione sia politica che geopolitica. L’economia finisce sempre per essere sopraffatta da questioni non economiche. Gli anni ‘70 sono stati segnati dalla Guerra Fredda, dalle ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?