11 apr 2022

Arrivano i Fia, la nuova frontiera del private banking

MILA MILIARDI Boston Consulting Group (Bcg) ha stimato che i cosiddetti asset alternativi valgono già in tutto il mondo. 15mila miliardi di euro e sono destinati a salire fino a 22mila miliardi entro il 2025. Di quest’ultima cifra, almeno 4mila miliardi saranno presto detenuti da investitori individuali (come. i clienti del private banking) e non da soggetti istituzionali (come. fondi pensione o fondi assicurativi)
Arrivano i Fia, la nuova frontiera del private banking

NÉ FONDI comuni d’investimento, né azioni quotate in borsa, e neppure titoli di stato o bond negoziati ogni giorno su mercati regolamentati. Nel portafoglio degli investitori italiani, almeno di quelli più ricchi che usufruiscono dei servizi di private banking, sta per farsi spazio una nuova categoria di strumenti finanziari, un po’ diversi a quelli appena citati. Si chiamano Fia (fondi d’investimento alternativi) e possono essere acquistati versando una somma minima di 100mila euro. È una cifra consistente, è vero, ma di gran lunga inferiore a quella prevista fino a qualche mese fa (500mila euro), prima che le soglie di accesso ai Fia venissero abbassate, per effetto di un decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze. L’obiettivo è aumentare il raggio di azione di questa categoria di fondi, che possono investire il capitale i diversi modi. Per esempio nel private equity, cioè in partecipazioni in società non quotate in Borsa, con l’obiettivo di tenerle per un po’ di anni nel portafoglio e poi rivenderle a qualche altro investitore o quotarle sul lisino. Ma i Fia possono investire anche in fondi di Venture Capital che sostengono le società in fase di crescita (start up), particolarmente bisognose di risorse finanziarie fresche, oppure nella costruzione di infrastrutture, nel debito delle piccole e medie imprese o in altri fondi che acquistano portafogli di crediti deteriorati. L’obiettivo di queste nuove regole favorevoli ai fondi alternativi è duplice: in primis si vuole spingere i capitali dei risparmiatori più ricchi, che hanno un patrimonio di almeno 1 o 2 milioni di euro, a sostenere la cosiddetta economia reale, cioè le imprese e gli investimenti produttivi che avvengono al di fuori dei tradizionali circuiti della finanza di borsa. In secondo luogo, abbassando la soglia di accesso ai Fia, si vuole offrire anche alle famiglie un po’ più abbienti (e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?