21 feb 2022

Triste, felice, impaurito: ora il robot è come noi

featured image
featured image
Un robot sempre più umano, a partire dalle espressioni

Sempre più umani, non solo nelle ’funzionalità pratiche’ (dall’aprire una porta al realizzare lavorazioni meccaniche complesse), ma anche nell’espressività: i robot diventano sempre più simili all’uomo anche nell’apparenza e nella miminca facciale. L’ultimo esempio è Nikola, un bambino androide che trasmette col viso sei emozioni di base: felicità, tristezza, paura, rabbia, sorpresa e disgusto, generate col movimento dei ’muscoli’ della faccia. Il progetto è stato realizzatoin Giappone, dai ricercatori del RIKEN Guardian Robot Project, e lo studio con cui si è testata l’espressività è stato pubblicato pubblicato su Frontiers in Psychology: è la prima volta che la qualità delle emozioni espresse da un androide sono state testate e verificate per queste sei emozioni. "A breve termine, androidi come Nikola possono essere importanti strumenti di ricerca per la psicologia sociale o persino per le neuroscienze sociali – spiega Wataru Sato, del RIKEN Guardian Robot Project –. Rispetto agli umani, gli androidi sono bravi a controllare i comportamenti e possono facilitare una rigorosa indagine empirica delle interazioni sociali umane". Nikola è una testa di androide che sembra un ragazzo glabro. All’interno del viso ci sono 29 attuatori pneumatici che controllano i movimenti dei muscoli artificiali, e altri i 6 attuatori controllano i movimenti della testa e del bulbo oculare. Gli attuatori pneumatici sono controllati dalla pressione dell’aria, che rende i movimenti silenziosi e fluidi. Il team ha posizionato gli attuatori basati sul Facial Action Coding System (FACS), che è stato ampiamente utilizzato per studiare le espressioni facciali. Ad esempio, i ricercatori hanno chiesto alle persone di valutare la naturalezza delle emozioni di Nikola poiché la velocità dei suoi movimenti facciali era sistematicamente controllata. I ricercatori hanno scoperto che la velocità più naturale era più lenta per alcune emozioni come la tristezza rispetto ad altre come la sorpresa. "Gli androidi in grado di comunicare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?