21 feb 2022

Un'Expo sempre più internazionale

(DIRE) Bologna, 8 nov. - Un bolognese all'Ufi. Giorgio Contini, direttore internazionale della Fiera di Bologna e' stato eletto nel board dell'Unione mondiale delle Fiere, un'organizzazione che riunisce 740 associati in rappresentanza di 85 paesi. "Viene cosi' ulteriormente riconosciuta l'esperienza e le capacita' strategiche del sistema fieristico nazionale e di BolognaFiere, che ha saputo rinnovare continuamente i format delle proprie manifestazioni di eccellenza, portandole alla leadership internazionale", sottolinea la societa' di via Michelino.     "Per BolognaFiere e' un importante riconoscimento avere un nostro rappresentante nel board of directors Ufi, un'ulteriore testimonianza del know-how che ci viene riconosciuto internazionalmente", evidenzia il presidente, Gianpiero Calzolari. "Avere un ruolo costruttivo e occasioni di  confronto, nell'ambito dell'associazione mondiale delle fiere, costituira' anche un'ulteriore opportunita' di arricchimento per il Sistema fieristico nazionale, per accrescerne posizionamento e strategicita' per le imprese italiane e non", auspica il numero uno della societa' bolognese. Contini e' stato recentemente nominato ai vertici di Emeca, l'associazione che riunisce le principali fiere europee.   (Vor/ Dire) 17:59 08-11-1
BolognaFiere

Se è vero che all’appello, nel 2022 di BolognaFiere sul suolo di casa, i buyer e gli espositori cinesi saranno praticamente i soli a mancare, ciò non toglie che possa essere l’expo di Antonio Bruzzone ad ampliare la propria presenza in Estremo Oriente. Anche nella Repubblica Popolare, infatti, per il direttore "questi sono stati anni di semina e di realizzazioni", a partire dalle "due nuove manfestazioni che abbiamo organizzato nel 2021". Da un lato il South China Beauty Expo, organizzato con il grupo Informa e "dedicato alla bellezza cinese declinata sui gusti cinesi", e dall’altro il Marca China di Shenzhen, il corrispettivo con gli occhi a mandorla della grande "kermesse italiana MarcabyBolognaFiere, dedicata ai prodotti Gdo a marchio del distributore". Entrambi, al netto di spostamenti e rinvii poi assorbiti, "più che soddisfacenti dal punto di vista della visitazione". Poi, questi appuntamenti si sommeranno alla prossima "ormai tradizionale Fiera del Libro per Ragazzi di Shanghai, giunta alla quinta edizione" e alla "consolidata fiera della cosmetica di Hong Kong" che, però, quest’anno sarà ospitata da Singapore, "vista la situazione particolare che la sede storica sta attraversando". Ma, a ben guardare, quell’ampliamento degli uffici esteri di BolognaFiere che "ci ha portato ad avere 50 colleghi al lavoro per noi in Cina", ha riguardato, per BolognaFiere, diversi altri Paesi del mondo. Dalla Germania, dove "i colleghi sono 45", a Parigi, New York, "dove sta la sede statunitense per il marketing commerciale di Cosmoprof, mentre a Chicago sta quella per gli allestimenti", e Guadalajara, "senza contare Dubai, dove, invece che una sede distaccata, abbiamo una joint venture". Sempre nel mondo americano, poi, "abbiamo magazzini a Las Vegas e Orlando", oltre che "il nuovo polo messicano nella città che rappresenta, come dicono loro, il primo ‘recinto ferial’ (quartiere fieristico) dell’intero Centro e Sud America". Dopo il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?