Norwegian Cruise Line
Norwegian Cruise Line
UNA STORIA LUNGA oltre mezzo secolo quella di Norwegian Cruise Line che, con una flotta globale di 17 navi che salpano verso oltre 13 destinazioni in tutti e sette i continenti, può contare su una squadra di 28mila membri e accoglie una media di oltre due milioni di ospiti l’anno. Ncl ha recentemente annunciato il lancio della nuova classe di navi, Prima Class e Norwegian Prima, la prima di sei navi di nuova generazione progettate per portare le esperienze degli ospiti a un nuovo livello, concentrandosi su un design di grande pregio, spazioso e accurato. Le navi Prima Class saranno consegnate dal 2022 al 2027. "L’imprevedibilità della pandemia e dei corrispondenti regolamenti governativi – commenta Eamonn Ferrin, vice president of international business di Norwegian Cruise Line – rimane la sfida chiave...

UNA STORIA LUNGA oltre mezzo secolo quella di Norwegian Cruise Line che, con una flotta globale di 17 navi che salpano verso oltre 13 destinazioni in tutti e sette i continenti, può contare su una squadra di 28mila membri e accoglie una media di oltre due milioni di ospiti l’anno. Ncl ha recentemente annunciato il lancio della nuova classe di navi, Prima Class e Norwegian Prima, la prima di sei navi di nuova generazione progettate per portare le esperienze degli ospiti a un nuovo livello, concentrandosi su un design di grande pregio, spazioso e accurato. Le navi Prima Class saranno consegnate dal 2022 al 2027. "L’imprevedibilità della pandemia e dei corrispondenti regolamenti governativi – commenta Eamonn Ferrin, vice president of international business di Norwegian Cruise Line – rimane la sfida chiave per tutti noi nel prossimo anno. Per fornire agli ospiti chiarezza e stabilità, in modo che possano pianificare il loro viaggio con fiducia, vorremmo che le normative governative fossero più coese e stabili, consentendoci di pianificare meglio i nostri viaggi futuri e mantenere gli impegni con i nostri partner portuali".

La voglia di crociera, infatti, è già tornata. "Vediamo una grande domanda repressa di viaggi e crociere con viaggiatori desiderosi di liberarsi, finalmente, e riconnettersi con i luoghi e le persone che di cui hanno maggiormente sentito la mancanza. Un sondaggio che abbiamo condotto questa estate in Italia – spiega Ferrin – ha mostrato che il 76% degli italiani semplicemente non vede l’ora di tornare a viaggiare liberamente. Inoltre, a causa delle opportunità mancate nel 2020 e nel 2021, il 95% dei viaggiatori non vede l’ora di prenotare di nuovo una vacanza più lunga, l’83% di recuperare le opportunità perse, auspicando di visitare più destinazioni nel loro prossimo viaggio, il 60% concentrandosi su relax e svago e, il 54%, cercando di scoprire nuove destinazioni e luoghi".

Norwegian Cruise Line ha siglato una partnership di lunga data con il porto di Civitavecchia e l’Autorità di sistema portuale del Tirreno centro settentrionale. "Dopo più di 500 giorni di inattività – afferma Ferrin – siamo finalmente tornati in servizio il 25 luglio di quest’anno con la Norwegian Jade che è stata la prima delle nostre 17 navi a salpare di nuovo. La Norwegian Getaway e la Norwegian Epic sono state le nostre prime navi a tornare a Civitavecchia a settembre. Entro il 2023, otto navi Ncl salperanno dal porto italiano offrendo crociere sia nel Mediterraneo occidentale che orientale". "Durante la nostra sospensione della navigazione – aggiunge il vice president – siamo sempre rimasti in stretto contatto con i nostri partner di destinazione e insieme abbiamo lavorato diligentemente per garantire una ripresa sicura delle crociere da Civitavecchia. I requisiti di vaccinazione sono una componente chiave del nostro programma Sail Safe, che ci consente di salvaguardare i nostri ospiti, l’equipaggio e le destinazioni che stiamo visitando".

Nel 2021 Civitavecchia sarà, secondo le stime degli analisti, il primo porto crocieristico a livello mondiale, con circa 540mila passeggeri. Un valore ancora molto lontano dai livelli pre-covid, con la ripresa vera e propria che è prevista, con numeri paragonabili a quelli del 2019, solo a partire dal terzo quadrimestre 2022. Il primo anno di autentico rilancio sarà il 2023. "Il rapporto con Ncl – afferma Pino Musolino, presidente dell’Autorità di sistema portuale del mar Tirreno centro settentrionale – è molto soddisfacente e positivo per il porto di Civitavecchia, rafforzando la partnership con una delle principali compagnie crocieristiche che siamo lieti abbia scelto il porto di Roma come proprio scalo strategico per il Mediterraneo". "A Civitavecchia – prosegue il presidente – è stato sviluppato un protocollo che ha fatto da modello a livello internazionale per le vaccinazioni dei marittimi, direttamente a bordo, a prescindere dalla nazionalità della nave e del personale che, ad oggi, ha consentito di vaccinare oltre 10mila marittimi che hanno scalato il porto".

Monica Pieraccini