2 mar 2022

"Il default della Russia è alla portata. Ma va chiuso il rubinetto del gas"

L’ex direttore dell’Economist Emmott: "Se l’Occidente straccia i contratti solo Xi Jinping può salvare Putin"

antonio del prete
Economia
epa08084821 (FILE) - A worker turns a tap at the gas-compressor station in Mryn village, about 130 km of Kiev, Ukraine, 15 October 2015 (reissued 21 December 2019). Reports on 21 December 2019 state Russian energy company  Gazprom and Ukrainian authorities have reached an agreement whereby Gazprom is to pay Ukraine 2.9 billion USD as a settlement in a row over gas transit. The new agreement for the next five years also sees a reduction of Russian gas flowing through Ukraine from 90 billion qubic meters to 65 billion qubic meters in 2020, and a further reduction to 40 billion qubic meters planned for the years 2021-2024.  EPA/ROMAN PILIPEY *** Local Caption *** 52307444
Continua la corsa del prezzo del gas

Accanto alle bombe e ai cingolati, che evocano scene del passato più cupo, la guerra degli anni Duemila trova nell’arsenale armi nuove. Potenzialmente decisive, secondo Bill Emmott, giornalista britannico a lungo direttore dell’Economist. È la finanza il ventre molle della Russia. II rublo è in caduta libera, i russi si ammassano in fila davanti ai bancomat per prelevare. Putin è consapevole del pericolo. Da tempo. Tanto che nel 2014 ha approntato il piano "Fortezza Russia" per rendere il Paese meno dipendente dall’estero. Basterà per sopravvivere alle sanzioni con cui le democrazie hanno risposto all’invasione dell’Ucraina? L'uso dell'atomica può scatenare un golpe contro Putin Emmott, l’Occidente è in grado di mandare l’economia russa gambe all’aria? "Molto probabilmente sì, le sanzioni decise sono assolutamente forti. I parametri economici della Russia sono al collasso come nel 1998, quando Putin arrivò al potere. Mosca, però, ha un asso nella manica: la carta del gas e del petrolio". Per ottenere il default vanno chiusi i rubinetti? "Se l’Italia e gli altri Paesi europei decidessero di farlo sarebbe un grande problema per la sostenibilità economica della Russia, perché anche chi vende dipende da chi compra". Il fallimento di Mosca può essere un obiettivo di breve o medio termine? "È presto per dirlo, bisognerà osservare lo sviluppo della guerra. Siamo ancora all’inizio, tra le opzioni per il futuro ci sono certamente anche il boicottaggio del gas e il default, che potrebbe rivelarsi una strada necessaria per l’Occidente". La possibilità di mettere ko l’economia di un Paese è un effetto della globalizzazione? "Certo, è un prodotto del mondo interconnesso. La Russia, in particolare, durante la guerra fredda era collegata all’Occidente solo per le materie prime e l’energia. Quanto al resto, soprattutto per ciò che riguarda il settore finanziario, l’Unione sovietica era un mondo a sé, separato. Dalla caduta ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?