21 dic 2021

Pensioni, sul tavolo l'anticipo a 63 o 64 anni per tutti. Ma dovrà essere sostenibile

I paletti del premier Draghi ai sindacati: "In pensione con quanto si è versato". Tre i tavoli tecnici che il governo aprirà

claudia marin
Economia
featured image
Pensioni, il peso della spesa pubblica sul Pil

Flessibilità in uscita, che comprende anche il sistema di calcolo e la differenziazione dell’età pensionabile in relazione alla gravosità dei lavori. Giovani precari e donne. Previdenza complementare. Sono i tre tavoli tecnici che il governo aprirà con i sindacati sulle pensioni, attraverso un serrato calendario di incontri che verrà fissato oggi. La riapertura del cantiere pensioni dopo una decina di anni dalla riforma Fornero vede di nuovo i tre grandi sindacati uniti, dopo lo sciopero contro la manovra di Cgil e Uil e la successiva manifestazione della Cisl, a trattare punto per punto il nuovo corso. Il premier Mario Draghi non pronuncia una sillaba sulle mobilitazioni, ma fissa un paletto invalicabile: "Qualsiasi modifica non deve mettere a repentaglio la sostenibilità nel medio e lungo periodo e deve essere all’interno del contesto europeo". Tradotto: inevitabile il conteggio esclusivamente contributivo. "Si va in pensione con quanto si è versato", insiste il premier. Salvo il Superbonus (ma a tempo). Bollette a rate e taglio dell’Irpef Soddisfatte Cgil, Cisl e Uil, con Maurizio Landini che sintetizza: "Siamo di fronte a una dichiarazione ufficiale sulla disponibilità del governo a fare una discussione sulla riforma della legge Fornero, cosa che non era mai avvenuta in questi anni". Ma restano parecchi rebus da risolvere. Landini chiede "flessibilità in uscita", ad esempio da 62 anni di età o da 41 anni di contributi. Ci sono situazioni diverse: "Ad esempio nella manovra – nota il leader Cgil – non ci sono i cosiddetti precoci per lavori gravosi". Bombardieri punta il dito su manovra e delocalizzazioni: "La risposta è tenue e non è il massimo". Luigi Sbarra, numero uno della Cisl, sottolinea che "la Fornero ha fatto risparmiare 80 miliardi. Vanno raggiunte soluzioni condivise. La previdenza non è un privilegio ma un diritto". Ma quali sono le ipotesi che verosimilmente ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?