Santiago Mazza, digital advisor. di. Retex
Santiago Mazza, digital advisor. di. Retex

«Chi non ha una strategia chiara e definita, in Cina rischia di perdere tutto». Per Santiago Mazza, digital advisor di Retex, società specializzata nell’innovazione del retail che negli ultimi anni ha accompagnato alla conquista del Dragone oltre 120 aziende italiane, un piano a medio-lungo termine è fondamentale.

Perché i marchi italiani fanno fatica a imporsi?

«Il mercato è molto chiuso. Non si può andare all’arrembaggio: il rischio di mettersi nelle mani sbagliate, vedendosi rubare il brevetto o facendosi soffiare un’idea vincente è concreto. Le aziende italiane dovrebbero convincersi a fare sistema. Quando lo fanno, come nel caso del Comune di Milano, che su WeChat è popolarissimo, la cosa funziona».

A proposito di WeChat, perché è così importante in Cina?

«WeChat, di cui siamo partner ufficiale, ha digitalizzato la vita dei cinesi. È più di un social. Bisogna conoscere le sue regole, come ad esempio che si può visualizzare un’unica pubblicità al giorno, per sfruttarlo».

E gli influencer?

«I cinesi osservano attentamente cosa indossano o mangiano i Key opinion leader. La difficoltà è trovare la giusta star del web: quella che si avvicina di più all’identità del brand».

l. bolo.