"Le prospettive per le cooperative sono incerte come è incerto il paese in questa fase". Per questo, occorre mettere in campo interventi a tutto campo per sostenere le imprese nella ripartenza. è questo il messaggio lanciato dal presidente di Confcooperative Maurizio Gardini (foto), durante l’assemblea nazionale che lo riconfermato alla presidenza di Confcooperative per il mandato 2020-2024. "Oltre il 60% delle cooperative non si sono fermate durante il lockdown – ha detto Gardini – per questo per loro è più agevole continuare un percorso. Quelle che si sono necessariamente fermate stanno cercando di ripartire ma non è facile soprattutto in alcuni settori come turismo, cultura e trasporti. Su queste occorrerà mettere in pista strumenti di sostegno".