Il G7 per l'ambiente a Bologna (foto Schicchi)
Il G7 per l'ambiente a Bologna (foto Schicchi)

Bologna, 11 giugno 2017 - Un incontro bilaterale Usa-Giappone ha dato il via al G7 Ambiente. Blindatissima la zona intorno al Savoia Regency Hotel, al Pilastro, dove fino a domani si terranno i lavori cui partecipano, oltre all'Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Usa, Giappone e Canada. 

AL VIA I LAVORI  - "Abbiamo la responsabilità cruciale di programmare uno sviluppo sostenibile del pianeta", dice Gianluca Galletti, ministro dell'Ambiente, aprendo i lavori. I ministri siedono a un grande tavolo, con un prato verde al posto del pavimento. Fra i temi che saranno affrontati al G7: clima e raggiungimento degli obiettivi di crescita sostenibile, finanza verde, inquinamento marino, economia circolare, ecotasse. "Temi - commenta Galletti – alla frontiera tra economia e ambiente".

"Dobbiamo costruire insieme uno sviluppo sostenibile – afferma il sindaco Virginio Merola – partendo dal basso, dalle città, e dall'alto, dagli indirizzi dei governi". L'arcivescovo Matteo Zuppi consegna ai ministri la Carta sottoscritta in Cappella Farnese dai leader delle principali religioni del mondo. "Vi chiediamo azioni audaci per combattere i cambiamenti climatici – dice Zuppi –. E di assumervi delle precise responsabilità e i costi che comportano".

Protesta pacifica, bicilette in tangenziale

image

PRIMA SESSIONE - Alle 9,15 è iniziata la prima sessione di lavoro, a porte chiuse, sul tema dell'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile e del cambiamento climatico, con gli esperti di Ipcc (Intergovernmental panel on climate change) e Unfccc (United Nations framework convention on climate change).

"Clima a parte, su tutti gli altri temi c'è accordo completo". A metà mattina, il ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti fa un primo punto sui lavori del G7. Nonostante le «posizioni diverse» fra gli Usa (che hanno deciso di uscire dagli accordi di Parigi del 2015) e gli altri sei Paesi sul tema dei cambiamenti climatici, "continua il percorso comune su tutti gli altri temi" in agenda. "Qui a Bologna stiamo svolgendo un importante lavoro di ricucitura", afferma Galletti. E, a dispetto dei timori della vigilia, vista la posizione rigida degli Usa, "un risultato lo abbiamo ottenuto: continuiamo a dialogare e a individuare obiettivi comuni". Anche se si parte da posizioni diverse, "sappiamo di avere l'obbligo di dialogare insieme, di non perderci". Nel pomeriggio, il ministro statunitense Scott Pruitt lascerà il vertice. Una partenza, assicura Galletti, "prevista da tempo. Pruitt ha un incontro con il presidente Donald Trump".

G7 Ambiente a Bologna, arrivano i 'panda' in segno di protesta

STATI UNITI - Nonostante l'uscita dall'accordo di Parigi, annunciata da Trump, gli Usa sembrano non volersi bruciare i ponti alle spalle. "Da Scott Pruitt abbiamo ascoltato che intende continuare a fare sforzi nel campo della lotta al cambiamento climatico e che vuole impegnarsi con la Convenzione Onu sui cambiamenti climatici in un dialogo su questo tema", spiega Patricia Espinosa, segretario dell'Unfccc, in una pausa del G7. Come noto, per uscire dall'accordo di Parigi è previsto un tempo di altri tre anni. Quindi, "al momento gli Usa restano parte dell'accordo. Per noi – commenta la Espinosa – è molto chiaro che dobbiamo andare avanti nell'attuazione dell'accordo e aiutare i Paesi nel tradurre i loro programmi nazionali in politiche di sviluppo, per riuscire nel 2018, quando avremo la prima valutazione di dove siamo, ad aumentare le nostre ambizioni".

E gli Stati Uniti "continueranno a ridurre le loro emissioni", spiega Carlo Carraro dell'Ipcc che ha moderato la prima sessione di lavoro del G7, dedicata proprio ai cambiamenti climatici. Lo statunitense Scott Pruitt ha confermato l'uscita degli Usa dall'accordo di Parigi, ma "ha assicurato la volontà di continuare a ridurre le emissioni, sia pure con misure che non rientrano negli accordi di Parigi". Gli Usa, spiega Carraro, "dicono di non essere in disaccordo sugli obiettivi stabiliti a Parigi, ma sul modo per raggiungerli". Nella sostanza, commenta l'esponente dell'Ipcc, "gli Usa hanno assicurato che continueranno gli investimenti per la riduzione delle emissioni".