Il fondo di garanzia per le Pmi supera il milione di domande. Soddisfatti l’Abi, il Mediocredito Centrale (Mcc) e i rappresentanti del governo. Plaude anche Confindustria che però avverte gli imprenditori: occhi a nuovi debiti che potrebbero ostacolare la ripartenza. Il ministero per lo Sviluppo economico e Mcc comunicano che sono 1.000.052, per un importo di oltre 71 miliardi di euro, le richieste di garanzie pervenute al Fondo di Garanzia a partire dal 17 marzo scorso. Di queste domande, 839.711 sono riferite a finanziamenti fino a 30mila euro con copertura al 100%, per i quali l’intervento del Fondo è concesso automaticamente e possono essere erogati senza attendere l’esito definitivo dell’istruttoria. Di "numeri impressionanti" parla il ministro dello Sviluppo, Stefano Patuanelli, stimando 100 miliardi di liquidità entro la fine dell’anno.

"Il milione di domande e i 71 miliardi di finanziamenti richiesti – commenta il presidente Abi Antonio Patuelli – rappresentano risultati molto importanti, ma parziali, che cresceranno cospicuamente ancora giorno per giorno, perché fino al 31 dicembre (salvo proroghe che auspichiamo) saranno operative queste misure a sostegno dell’economia". Soddisfatto anche l’ad di Mcc, Bernardo Mattarella: "Lo strumento ha funzionato e ha saputo garantire sostegno alla liquidità delle imprese nei momenti più duri dell’emergenza".