Sabato 20 Luglio 2024

Ultimo giorno del mercato tutelato, cosa cambia per la bolletta. Ed è allarme truffe

Da lunedì 1 luglio, vulnerabili a parte, gli utenti passeranno al mercato libero o a quello di tutele graduali

Roma, 29 giugno 2024 – Domani sarà l’ultimo giorno del mercato tutelato per l’elettricità. Migliaia di utenti, “vulnerabili” esclusi, migreranno al mercato di tutele graduali. Ma cosa conviene fare? Cosa cambia per le bollette? E c’è chi mette in guardia contro il rischio dell’impennata delle truffe.

0745-DIRE-2309_266-83710993
0745-DIRE-2309_266-83710993

Fine del mercato tutelato

Dal primo luglio 3,7 milioni di utenti che oggi sono nel mercato tutelato (una fine stabilita per legge) passeranno al regime di tutele graduali. Avverrà automaticamente per chi non ha scelto di passare al mercato libero. Resteranno invece al mercato tutelato i cosiddetti “vulnerabili”.

Approfondisci:

Bollette luce e gas: cos’è il mercato tutelato, cos’è il mercato libero. E cosa succede ora

Bollette luce e gas: cos’è il mercato tutelato, cos’è il mercato libero. E cosa succede ora

Il mercato a tutele graduali

Chi non rientra nella categoria dei vulnerabili e non ha scelto di passare al mercato libero da lunedì 1 luglio 2024 passerà al mercato di tutele graduali. Una condizione che permetterà di ottenere “prezzi scontati” per i prossimi 3 anni. Chi passerà al mercato a tutele graduali potrebbe cambiare gestore in base a chi ha vinto le aste a livello territoriale (controlla chi è il gestore della tua zona).

La situazione

Delle circa 30,2 milioni di utenze domestiche:

  • 22,7 milioni sono oggi servite nel mercato libero.
  • 7,5 milioni sono rimaste o rientrate nella Maggior Tutela (3,8 milioni clienti vulnerabili che continueranno con il mercato tutelato e 3,7 milioni di non vulnerabili che passeranno al servizio a tutele graduali).

Chi sono i vulnerabili

Per i vulnerabili, come detto, resterà ul mercato tutelato. Ma chi sono?:

  • gli over 75
  • disabili
  • chi usa apparecchi elettromedicali
  • chi abita su isole non interconnesse
  • è una persona indigente e magari riceve il bonus sociale

Ultime ore per rientrare nel tutelato

Chi è passato al mercato libero ha ancora tempo 24 ore per tornare al tutelato e quindi poi usufruire nel caso delle tutele graduali per 3 anni o restarci se è un “vulnerabile”.

Cosa conviene

“Le nuove tariffe della luce che scatteranno dall’1 luglio sul mercato tutelato evidenziano ancora di più il vantaggio che 4,5 milioni di utenti avrebbero nel passare al nuovo regime delle Tutele Graduali”. Lo afferma Assoutenti, commentando il rincaro tariffario del +12% disposto da Arera per il prossimo trimestre. ''Nonostante le tensioni sul fronte energetico e il pesante aumento deciso dall'Autorità, le tariffe della luce sul mercato tutelato risulteranno nel prossimo trimestre più basse del 5% rispetto allo stesso periodo del 2023, e addirittura inferiori del 45,4% sul 2022, con una minore spesa pari a -509 euro annui a famiglia rispetto a due anni fa'', spiega il presidente onorario e responsabile energia di Assoutenti, Furio Truzzi. ''E' innegabile tuttavia che i nuovi aumenti delle tariffe devono spingere gli utenti vulnerabili a passare, dal prossimo 1 luglio, al Servizio a Tutele Graduali, sfruttando i risparmi offerti dal nuovo regime e la possibilità approvata ieri da Governo e Parlamento di migrare alle tutele graduali attraverso una semplice telefonata allo Sportello Consumatori di Arera”.

Approfondisci:

Quattordicesima pensionati 2024, quando arriva e a chi spetta: le cifre

Quattordicesima pensionati 2024, quando arriva e a chi spetta: le cifre

Il rischio truffe

Con la fine del mercato tutelato dell'energia elettrica aumentano in modo preoccupante pratiche scorrette, comportamenti aggressivi o vere e proprie truffe a danno degli utenti nel settore delle vendite porta a porta di contratti di forniture luce e gas e nel comparto del teleselling. Lo denuncia l'associazione degli utility manager, Assium. “Nell'ultimo periodo registriamo un significativo incremento dei casi di persone che, con tecniche subdole, cercano di ottenere l'accesso in casa dei consumatori o carpire informazioni personali tramite chiamate telefoniche per scopi commerciali illeciti. La preoccupazione è che, con la fine della tutela, questi fenomeni possano ampliarsi a dismisura”, ha spiegato in una nota il presidente Assium, Federico Bevilacqua.