In Italia ci sono delle realtà che hanno fatto dell’inclusione e delle pari opportunità tra uomini e donne una battaglia fondamentale, fino a diventare degli esempi virtuosi nel loro campo. Queste realtà industriali del nostro paese sono state messe in luce da una ricerca dell’Istituto Tedesco Qualità e Finanza, leader in Europa di ricerche di mercato condotte con tecniche innovative. L’Istituto ha così identificato i 200 migliori datori di lavoro per donne nel Belpaese nelle varie industries, dai trasporti ai servizi, passando per la chimica, la finanza e il Food&Beverage. E Csi - Compagnia surgelati italiana, proprietaria del marchio Findus, è stata nominata come ‘Best employer for women’, ovvero uno dei migliori datori di lavoro per donne in Italia proprio in quest’ultimo settore, con un punteggio di 84,3 punti su un totale di 100.

"Questo riconoscimento ci rende estremamente orgogliosi", ha commentato Steven Libermann, general manager di Findus Italia. "Attraverso incontri e focus group con il nostro personale femminile, è emerso che le donne temono di avere difficoltà a bilanciare la vita in famiglia con quella lavorativa andando avanti nella propria carriera. È quella che possiamo definire una ‘paura del successo’ che porta le donne a non proporsi per posizioni più ambiziose. Per questo, abbiamo attivato soluzioni per favorire il superamento di queste barriere, come una maggiore flessibilità e programmi di mentorship. I risultati restituiti dalla ricerca dell’Istituto Tedesco Qualità e Finanza, sommato al riconoscimento ottenuto agli LC Diversity Awards, stanno a significare che andiamo nella giusta direzione". "In Findus adottiamo innovazioni attraverso il coinvolgimento di tutti i collaboratori e i livelli salariali, a parità di ruolo e di seniority, sono assolutamente allineati tra uomini e donne – ha spiegato Valerio Vitolo, hr director –. Attraverso gli input dei dipendenti, implementiamo progetti di welfare per migliorare la qualità del lavoro e favorire un maggiore equilibrio con la vita privata.