Domenica 14 Luglio 2024

Fieg: “Mantenere inalterato il sostegno all’editoria nella transizione al digitale”

Gli editori fanno appello a Governo, Parlamento e forze politiche affinché si riveda il disegno di legge di Bilancio: “Si riduce considerevolmente il sostegno al settore”

Appello della Fieg a Governo, Parlamento e forze politiche per mantenere inalterato il sostegno all'editoria

Appello della Fieg a Governo, Parlamento e forze politiche per mantenere inalterato il sostegno all'editoria

Roma, 9 novembre 2023 – “Il disegno di legge di Bilancio riduce ora considerevolmente il sostegno all'editoria con il rischio di vanificare gli importanti interventi esistenti per sostenere il passaggio al digitale”. Lo scrive la Fieg in un appello al governo in cui spiega che “appare, inoltre, singolare che la revisione della spesa sia particolarmente penalizzante nei confronti di un settore il cui ruolo e funzione è oggetto di diretta tutela costituzionale e risulti, invece, più contenuta negli altri comparti, peraltro con dotazioni di spesa assai più consistenti come i 750 milioni del Fondo cinema, ridotti di 50 milioni”.

"Gli editori della Fieg – con 61 testate quotidiane, con 201 periodici, con le più importanti agenzie di stampa nazionali, con i siti di informazione emanazione di tali testate, con oltre 6mila giornalisti a tempo pieno e indeterminato, con oltre 20mila collaboratori che coprono capillarmente il territorio – producono un flusso informativo che raggiunge ogni giorno più di 31 milioni di lettori e più di 40 milioni di utenti unici, contribuendo allo sviluppo del nostro Paese e garantendo il rispetto dell'articolo 21 della Costituzione, il pluralismo dell'informazione e la libertà di stampa”.

"Gli editori della Fieg – prosegue la nota –  fanno appello al Governo, al Parlamento e alle Forze politiche affinché si riconsideri tale scelta mantenendo inalterato il livello di sostegno al settore per il tempo necessario a garantire la difficile transizione digitale e continuare a garantire l'elevato standard di qualità dell'informazione professionale, la salvaguardia dei livelli occupazionali e delle retribuzioni e rafforzare il presidio contro il proliferare delle false informazioni”.