1 mar 2022

Industria calzaturiera, fatturato in crescita. Ma solo per pochi

Solo un'impresa su tre è tornata ai livelli precedenti la pandemia

featured image
Siro Badon

Un settore in ripresa, seppur solo parzialmente. Quello delle calzature sembra essere in rampa di lancio, anche se per ora soltanto a macchia di leopardo. Una ripresa fra luci e ombre, quindi, anche se il peggio del periodo del lockdown sembra finalmente davvero alle spalle. Per molti, anche se purtroppo non per tutti. Il fatturato nel settore dell'industria calzaturiera italia è infatti cresciuta del 18,7% nel 2021 - si parla di 12,7 miliardi di euro - e l'export è salito del 17,5% rispetto al 2020, ma soltanto un'impresa su tre è tornata ai livelli prima del Covid. Rispetto al 2019, infatti,  si parla dell'11% in meno. L'indagine del Centro studi di Confindustria Moda per Assocalzaturifici mostra un settore nel quale i grandi marchi trainano l'export e in cui le differenze fra aziende sono evidenti. Basti pensare che soltanto una su tre ha ripreso a viaggiare sui ritmi precedenti la pandemia da coronavirus. 

"L’accelerazione dell’export nel quarto trimestre ha permesso al calzaturiero di archiviare il 2021 mantenendo gli incrementi a doppia cifra che avevano caratterizzato la prima metà dell’anno - spiega il presidente di Assocalzaturifici, Siro Badon -. Dopo il crollo del 2020, anno in cui è stato duramente penalizzato dal lockdown e dalle restrizioni durante le due ondate pandemiche, il settore è ripartito, con un fisiologico rimbalzo nel secondo trimestre cui è seguito un recupero con intensità più contenuta. Tutte le principali variabili mostrano incrementi non trascurabili in valore, compresi tra il +15 e il +20% (spesa delle famiglie italiane +15,6%, produzione ed export attorno al +17%; fatturato +18,7%). Ma la ripresa è a macchia di leopardo e spesso ancora insufficiente nel ritmo, tanto che gran parte delle imprese non ha ancora raggiunto i ricavi 2019 antecedenti l’emergenza sanitaria".

L’export ha raggiunto in valore - 10,3 miliardi di euro a consuntivo - il secondo miglior risultato di sempre, anche al netto dell’inflazione. In particolare, le prime due destinazioni ovvero Svizzera (+16,2% in valore sul 2020, nei primi 11 mesi) e Francia (+24%), tradizionalmente legate al terzismo; ma anche USA (+42%) e  Cina (+37,5%) che ha già abbondantemente superato i livelli 2019.

Ora bisognerà capire quali saranno gli scenari possibili con il conflitto in Ucraina.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?