Sabato 20 Luglio 2024
ANDREA ROPA
Economia

Ex Ilva pronta a riaprire gli impianti. Luce verde dell’Ue al prestito ponte

Il ministro Urso: entro luglio via all’iter per l’assegnazione. Tre importanti investitori interessati. Saitta nuovo dg

Ex Ilva pronta a  riaprire gli impianti. Luce verde dell’Ue al prestito ponte

Ex Ilva pronta a riaprire gli impianti. Luce verde dell’Ue al prestito ponte

L’ex Ilva si prepara a riaccendere i motori. O meglio gli impianti produttivi, visto che già da domani inizieranno le visite negli stabilimenti dei potenziali acquirenti. Lo ha confermato il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso, specificando che si tratta di "tre importanti investitori internazionali" che hanno manifestato concreto interesse per rilevare le attività di Acciaierie d’Italia. Si inizierà dagli stabilimenti del Nord (Genova Cornigliano, Novi Ligure), poi Taranto e gli altri. "Queste visite – ha spiegato ieri Urso dal convegno dei Giovani Imprenditori di Confindustria a Rapallo – sono un buon segnale, che si associa al giudizio positivo della Commissione europea sulla strada che abbiamo intrapreso con il concorso e il sostegno di tutte le forze sindacali, sociali e produttive, degli enti locali e credo anche delle forze politiche".

Il ministro ha aggiunto che "entro luglio pensiamo di poter attivare le procedure per l’assegnazione degli impianti, con un programma di ripristino produttivo che prevede la riaccensione del secondo altoforno in ottobre e del terzo a metà del prossimo anno. Credo che entro un mese sarà possibile sbloccare le risorse, in linea con i programmi per il ripristino produttivo che i commissari si sono dati".

A questo proposito, il commissario straordinario Giancarlo Quaranta ha confermato che "i nostri progetti sono orientati al recupero della produttività degli stabilimenti di Acciaierie d’Italia e dell’affidabilità ambientale per Taranto. Questo ci consentirà di rilanciare la produzione dell’acciaio per portare a regime anche gli stabilimenti di Genova, Novi Ligure e Racconigi. Guardiamo con grande interesse le visite di potenziali investitori, che dureranno due settimane nella prima fase".

Ma le buone notizie per l’ex Ilva non si fermano qui. Arrivano anche da Bruxelles, dove la Commissione Ue ha fatto un importante passo avanti verso il via libera al prestito ponte di 320 milioni di euro per garantire continuità occupazionale e produttiva degli impianti. "La commissaria europea per la Concorrenza Margrethe Vestager – ha detto ancora Urso – ha confermato che a breve sarà concessa l’autorizzazione europea per le risorse del prestito ponte all’ex Ilva, a salvaguardia degli impianti e al ripristino della loro attività produttiva. Da parte della Commissione europea c’è il pieno consenso".

Intanto i commissari straordinari di Acciaierie d’Italia hanno annunciato che Maurizio Saitta ha assunto da ieri la carica di direttore generale. Prende il posto di Giuseppe Cavalli, che era stato nominato lo scorso 11 marzo.