8 apr 2022

L'etichettatura degli imballaggi: l'e-commerce alla prova della sostenibilità

La crescita delle vendite online e il loro cambiamento accrescono la necessità di trovare soluzioni sempre più sostenibili per l’ambiente

andrea boscaro partner the vortex
Economia
Il settore degli imballaggi sta vivendo un momento molto positivo
Il settore degli imballaggi sta vivendo un momento molto positivo

Fra gli effetti che la pandemia ha lasciato, accanto alle sofferenze e alla crisi economica, vi sono comportamenti nuovi quali la propensione a cercare un rinnovato equilibrio fra vita professionale e vita personale e la crescita degli acquisti online che non solo sono cresciuti in termini quantitativi con un numero maggiore di transazioni ed una più frequente consuetudine a ricorrervi, ma anche in termini qualitativi con nuove modalità ed anche nuove regolamentazioni che hanno il compito di affrontarne criticità finora poco considerate quali l’impatto sull’ambiente. La crescita del 85% della spesa alimentare online in Italia a cui si è assistito nel 2020, sospinta dal primo lockdown, ha visto un ulteriore incremento del 44% nel 2021: i dati, rilevati dal Politecnico di Milano, dimostrano la pervasività del commercio elettronico e si affiancano all’ascesa di nuove forme – dal “live shopping” agli acquisti su abbonamento nei settori della cosmetica e dell’abbigliamento – la cui radice comune consiste nell’innovazione per la quale gli acquisti online non si limitano a soddisfare un bisogno, ma sono volti ad  innescare un desiderio, stimolare un acquisto d’impulso ampliando con ciò l’ampiezza delle occasioni per le quali ricorrervi. Di qui l’impatto sui resi, spesso gratuiti, la cui crescita ha condotto operatori come Asos e Zalando a sospendere i clienti che eccedono in tali comportamenti. L'aumento delle vendite online e il loro cambiamento accrescono la necessità che questo fenomeno sia sostenibile per l’ambiente, consapevoli del fatto che le consegne a domicilio, la dimensione degli imballaggi, la gestione dei resi ed infine la supply chain in cui sono coinvolti gli operatori rappresentano fattori critici sui quali è necessario fare il punto per metterne a fuoco le problematiche ed evidenziare le buone pratiche per affrontarle. Prorogato al 1° gennaio 2023, va inquadrato in questo contesto l'obbligo di etichettatura ambientale. Il decreto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?