La situazione è peggiore di quel sembra, specie per le piccole e medie imprese. E per questo le "autorità devono agire urgentemente". È l’appello lanciato da Mario Draghi (foto) nella veste di co-presidente del gruppo di lavoro del G30. Un invito ad agire condiviso anche dalla Fed che, a più riprese, ha esortato il Congresso statunitense a pompare nuovi aiuti all’economia. "In molti settori e Paesi siamo sull’orlo del precipizio in termini di solvibilità, specialmente per le piccole e medie imprese, con i programmi di sostegno in scadenza e il patrimonio esistente che viene eroso dalle perdite", ha ammonito Draghi, che è anche nel comitato di direzione del think tank di consulenza su questioni di economia monetaria.