Agostino Di Maio
Agostino Di Maio

ROMA - “La protezione sociale dei lavoratori è doverosa e il giudizio di Assolavoro sulle risoluzioni degli onorevoli Serracchiani e Zangrillo è positivo per quanto concerne gli obiettivi di riforma complessiva degli ammortizzatori sociali, al netto di alcune – necessarie – considerazioni” - così Agostino Di Maio, Direttore di Assolavoro, l’Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro che rappresenta l’85% del settore, intervenuto oggi da remoto all’audizione dell’XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) della Camera dei Deputati in merito alle risoluzioni 7-00495 (Serracchiani) e 7-00512 (Zangrillo) sui sistemi di protezione sociale per i lavoratori.

“Occorre accompagnare le persone – siano essi lavoratori o persone in cerca di occupazione – con strumenti di tutela del reddito quanto più possibile universalistici ma la vera sfida riguarda una riforma delle politiche attive che garantisca concretamente l’occupabilità e il reinserimento” – ha aggiunto il Direttore di Assolavoro.

“Per queste ragioni va in primis riconosciuta, da tutti, la natura sempre più transizionale del mercato del lavoro e la necessità di garantire il giusto contemperamento tra le esigenze di flessibilità in entrata al lavoro per le aziende con quelle di tutela delle persone”.

“Fondamentale è, inoltre, da una parte privilegiare le forme di occupazione dipendente con tutte le garanzie previste dal legislatore, come la somministrazione di lavoro; dall’altra contrastare fortemente l’elusione e l’evasione contributiva e l’uso distorto di contratti sottotutelati che rischiano di avere un’ulteriore recrudescenza e di vanificare sul campo qualsiasi ragionamento di sostenibilità delle riforme in discussione”.

“Il settore delle Agenzie per il Lavoro è l’unico ad aver reagito alla pandemia garantendo puntualità nei pagamenti anche delle integrazioni salariali a tutti i lavoratori in somministrazione e attivando misure ad hoca loro dedicate. L’insieme delle iniziative intraprese da Assolavoro con i sindacati di categoria ha peraltro meritato uno specifico riconoscimento come buona pratica sul piano internazionale anche da parte dell’OCSE” – ha evidenziato il Direttore di Assolavoro.

“Oltre che affrontare le urgenze determinate dalla Covid-19, tuttavia, siamo convinti che occorra guardare più lontano e in questa direzione confermiamo la piena disponibilità delle Agenzie per il Lavoro ad avere un ruolo di primo piano per politiche attive efficaci, centrate sulle specificità dei candidati e aderenti alla domanda di professionalità delle aziende. Sempre nell’ottica della virtuosa interazione pubblico – privato e della sostenibilità delle misure messe in campo” – ha concluso Agostino Di Maio.