Decreto rilancio e lavoro (Imagoeconomica)
Decreto rilancio e lavoro (Imagoeconomica)

Roma, 14 maggio 2020 - Il cuore del maxi-decreto, osserva il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, è dedicato ai lavoratori e alle imprese. Per i primi viene prorogata la cassa integrazione e rilanciata l’indennità per gli autonomi. Introdotto il reddito di emergenza. Viene velocizzata la procedura di pagamento della cassa integrazione in deroga, che non dovrà passare più dalle regioni ma solo dall’Inps, che potrà anticipare il 40% dell’importo anche prima della valutazione della domanda.

Per le imprese si attiverà un ventaglio di interventi variamente configurato, a cominciare dalla cancellazione della prima rata dell’Imu per alberghi e stabilimenti balneari. Alle aziende tre differenti aiuti in base ai ricavi, ma quasi tutte (con l’esclusione di quelle sopra i 250 milioni di ricavi) non dovranno passare alla cassa a giugno per la rata Irap. La cancellazione vale circa 4 miliardi che si aggiungono ai circa 6 per gli indennizzi alle imprese che fatturano da zero a 5 milioni e che hanno avuto un calo di fatturato del 33%: l’indennizzo, spiega il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, andrà "da 2mila euro a fino a oltre 40mila euro per le imprese che hanno perso la capacità di fatturare". E sempre per le imprese più piccole ci saranno anche sconti sulle bollette (appostati 600 milioni) e il credito d’imposta sugli affitti al 60% esteso a tutte le aziende.

Per le attività di medie dimensioni, tra 5 e 50 milioni, ci sarà un mix di incentivi fiscali agli aumenti di capitale e la possibilità di un intervento di Invitalia con un nuovo Fondo patrimonio Pmi. Per le imprese sopra i 50 milioni scenderà in campo Cdp. Sospese poi plastic e sugar tax, rinviate al 16 settembre le scadenze fiscali e aumento a 1 milione delle compensazioni. Aiuti anche alle start up innovative.

image

1 - Partite Iva

Confermati i bonus da 800 euro per le partite Iva e i collaboratori,mentre quelli per gli autonomi arrivano fino a mille euro per chi dimostra di avere avuto perdite di fatturato fino 
al 33 per cento

2 - Colf e badanti

Viene esteso il bonus per colf e badanti. Totale: 600 euro. Il reddito di emergenza varrà invece per chi ha redditi bassi, con Isee fino a 15mila euro, senza altri sostegni

3 - Pmi

Per le piccole e medie imprese (fatturato fino a 5 milioni) sono previsti contributi a fondo perduto, a patto che esse abbiano subito un calo dei ricavi di almeno il 33% ad aprile 2020 rispetto all’anno precedente

4 - Credito d'imposta

I soldi per le Pmi varieranno da poche migliaia di euro a 62mila euro. Tra i benefici, tre mesi di credito d’imposta del 60% sugli affitti. Bollette congelate

5 - Fatturati alti

Piccole e medie imprese, ma non solo. Per le imprese con più di 5 milioni di fatturato è prevista la possibilità della cassa depositi e prestiti di intervenire nella ricapitalizzazione

6 - Cig / 1

La cassa integrazione e l’assegno del fondo di integrazione salariale con la causale Covid-19 potranno essere concessi per ulteriori 9 settimane oltre alle 9 già previste

7 - Cig / 2

Di queste ulteriori 9 settimane, 5 si potranno utilizzare fino al 31 agosto mentre le ultime 4 esclusivamente nei mesi di settembre e ottobre. Verrà semplificata anche la procedura di quella in deroga, pagata entro 30 giorni

8 - Imu e Irap

Niente pagamento del saldo e acconto dell’Irap il 16 giugno per le ditte con ricavi fino a 250 milioni di euro. Per gli alberghi, abolizione della prima rata dell’Imu

9 - Cultura

Nel decreto entrano anche i lavoratori della cultura. Chi avrà maturato sette giorni di contributi nel 2019 avrà l’indennità di 600 euro per aprile e maggio. Inoltre, per il fondo cultura, sono previsti 50 milioni di euro

 

FOCUS Il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispositivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19