Alla fine del secondo trimestre 2020 il rapporto tra debito pubblico e Pil si è attestato al 95,1% nell’area euro, in aumento dall’86,3% del primo trimestre. Nell’Ue il rapporto è passato dal 79,4 all’87,8%. Rispetto al 2019, il rapporto è aumentato sia nell’Eurozona sia nell’Ue. I significativi aumenti sono attribuibili a due fattori: il forte aumento del debito pubblico e il calo del Pil. Lo rileva Eurostat. I rapporti più alti sono stati registrati in Grecia (187,4%), Italia (149,4%), Portogallo (126,1%), Belgio (115,3%), Francia (114,1%), Cipro (113,2%) e Spagna (110,1%).

Nella foto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri