Circa un italiano su dieci ha difficoltà a mettere in tavola un pasto decente. Nel dettaglio, sono 7 milioni e 600mila i connazionali che hanno avuto un evidente peggioramento del tenore di vita a causa dell’emergenza sanitaria. Questo è quanto emerge dal Secondo Rapporto Censis-Tendercapital sui Buoni Investimenti.

Sono le donne a dover pagare il prezzo maggiore. Rispetto agli uomini il loro tasso di occupazione è diminuito quasi del doppio. Nel secondo trimestre del 2020, infatti, il tasso di occupazione delle donne è pari al 48,4% (-2,2% rispetto al 2019), mentre quello degli uomini arriva al 66,6% (-1,3%).

Oltre a quelle di sesso, il rapporto evidenzia anche differenze generazionali: tutti i fenomeni di riduzione dell’occupazione colpiscono di più i giovani rispetto ai lavoratori adulti.

Differenze poi anche nell’accesso al web, con il 40% di famiglie a basso livello socioeconomico che non ha accesso alla rete, mentre tra le famiglie ad altro livello socioeconomico sono solo l’1,9%.

Per il presidente del Censis Giuseppe De Rita "la pandemia ci lascerà una società impaurita e più diseguale. Non sarà lo stato a debito a lenire le sofferenze, ci vorrà lo sforzo di tutti i soggetti, le imprese e i mercati"