Martedì 23 Luglio 2024
VITTORIO BELLAGAMBA
Economia

Cresce la domanda per gli immobili di pregio

La domanda è aumentata del 2% rispetto al 2019. Per vendere un immobile di pregio in Italia servono meno di sei mesi

La mappa degli immobili di lusso

La mappa degli immobili di lusso

Milano, 18 Giugno 2024 – Il segmento del lusso del mercato immobiliare continua a crescere. A fine 2023, infatti, lo stock di case di pregio a disposizione è arrivato a rappresentare il 2,7% di tutta l’offerta italiana, con un aumento di 0,5 punti percentuali nel confronto con il 2022. Un’offerta in crescita che si incontra facilmente con una domanda ancora sostenuta (+2% rispetto al 2019) e sempre più esigente e selettiva. Sono queste alcune delle evidenze emerse dal nuovo Osservatorio del mercato residenziale di lusso in Italia realizzato da Immobiliare.it Insights, società del gruppo di Immobiliare.it specializzata in big data e market intelligence per il settore immobiliare, in collaborazione con LuxuryEstate.com, portale internazionale leader nel settore immobiliare di lusso. Questa terza edizione si arricchisce inoltre della collaborazione esclusiva con Coldwell Banker Italy, gruppo leader a livello mondiale nella commercializzazione di immobili di lusso, i cui esperti sul territorio hanno commentato i trend più rilevanti delle singole zone del lusso analizzate nel report. L’obiettivo dell’analisi è quello di realizzare un’istantanea oggettiva di ciò che sta succedendo al mattone di lusso nel nostro Paese. L’analisi è stata effettuata mantenendo i tre diversi livelli di prestigio individuati: Extra, Large e Small, che esplicitano le possibili combinazioni di superficie, prezzo al metro quadro e prezzo totale degli immobili su tutto il territorio italiano.

I tempi del mercato di pregio Oltre all’andamento di domanda e offerta, l’analisi mostra come gli immobili di lusso abbiano generalmente tempi di permanenza sul mercato più lunghi di quelli del mercato tradizionale, ma il gap è in diminuzione negli ultimi anni e si è ulteriormente ridotto nel 2023: il Time to sell per gli immobili di lusso - vale a dire il tempo medio impiegato da un annuncio a essere rimosso dal mercato - è di 5,7 mesi, dato di tre mesi inferiore rispetto a quello di inizio 2019 - a fronte dei 5,3 del mercato tradizionale. Il Time on market – ossia l’età media degli annunci ancora presenti sul portale in un determinato momento – è invece di 9,6 mesi, anche questo in calo nel 2023, e pari a soli 2,3 mesi in più rispetto a quello del mercato tradizionale. Quasi 3 mesi in meno, però, rispetto al dato di inizio 2019.

La distribuzione geografica del lusso Nel Nord e nel Centro Italia si concentra quasi il 90% del mercato complessivo del lusso. Nel dettaglio della distribuzione geografica, poco meno del 36% si trova nell’area di Nord-Ovest, con il Centro che segue a breve distanza (32,5%). La terza area con più stock è il Nord-Est, che raccoglie circa il 20% del totale, in aumento del 2% rispetto al 2022. In coda si posizionano il Sud, con il 7% circa, e le Isole, con il 5% circa.

Dove si trovano gli stock di maggior valore Guardando ai dati di zone specifiche del nostro Paese, Milano si conferma la città con il più alto valore dello stock del lusso, 7,35 miliardi di euro, per la quasi totalità composto da appartamenti (99% circa), dato rimasto pressoché inalterato nel tempo. La domanda media si è invece ridotta nell’ultimo semestre del 2023, chiudendo l’anno con -10% rispetto ai livelli del 2019. Roma è al secondo posto per quanto concerne il valore dello stock, con 4,50 miliardi di euro, ma si è verificata una netta contrazione rispetto al primo semestre del 2019 (-29%). La Versilia resta la prima area turistica in classifica, collocandosi alle spalle delle due grandi città, con 4 miliardi di euro, composti per oltre i tre quarti da ville (77%), aspetto che rappresenta un’eccezione nel panorama italiano, dove a prevalere sono tendenzialmente gli appartamenti. Appena fuori dal podio si piazza la Riviera Ligure, con uno stock dal valore complessivo di circa 3 miliardi di euro.

Le differenze fra ville e appartamenti Lo stock di tutti gli immobili di lusso in Italia ha superato i 53 miliardi di euro, con una crescita rilevante rispetto al 2022, quando il valore complessivo ammontava a circa 48 miliardi. Gran parte del valore si concentra nelle ville di lusso: 30,6 miliardi a fine 2023, in crescita del 10% rispetto a un rispetto a un anno prima e del 18% sul secondo semestre del 2019.