14 mar 2022

Costo benzina oggi, i prezzi salgono ancora: fino a 2,4 euro al litro. Diesel più caro

La settimana si apre con nuovi aumenti alle stazioni di rifornimento anche per Gpl e metano

Sul fronte caro energia, la settimana si apre con lo sciopero degli autotrasportatori italiani che potrebbero fermare 70mila tir. A non fermarsi invece sono gli aumenti dei prezzi sulla rete carburanti. Con le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo che hanno chiuso venerdì in salita dopo il crollo delle due sedute precedenti, le compagnie lasciano oggi invariati i prezzi raccomandati di benzina e diesel. Tuttavia, i prezzi praticati sul territorio, per effetto dei corposi rincari della scorsa settimana, risultano però ancora in forte crescita: la media nazionale del diesel supera di poco la benzina, posizionandosi sopra i 2,3 euro/litro in modalità servito e oltre i 2,2 € nel self. Salgono anche Gpl e metano auto. 

Approfondisci:

Benzina in Italia e in Europa: prezzi a confronto. Senza accise siamo sotto la media Ue

Benzina (Ansa)
Benzina (Ansa)

Quotazioni

Più nel dettaglio, in base all'elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all'Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della 
benzina in modalità self sale a 2,217 euro/litro (venerdì 2,182), con i diversi marchi compresi tra 2,183 e 2,264 euro/litro (no logo 2,189). Il prezzo medio praticato del diesel self cresce a 2,220 euro/litro (venerdì 2,173) con le compagnie posizionate tra 2,197 e 2,252 euro/litro (no logo 2,218). 

Perché il diesel costa più della benzina: la spiegazione

Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato schizza a 2,323 euro/litro (venerdì 2,275) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 2,247 e 2,401 euro/litro (no logo 2,232). La media del diesel servito vola a 2,333 euro/litro (venerdì 2,270) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 2,280 e 2,399 euro/litro (no logo 2,261).  Anche i prezzi praticati del Gpl salgono e vanno da 0,881 a 0,902 euro/litro (no logo 0,877). Infine, il prezzo medio del metano auto è ancora in crescita e si posiziona tra 1,977 e 2,355 (no logo 2,241), con il valore massimo in calo. 

Benzina, le folli accise che fanno salire il prezzo: alcune risalgono a oltre 60 anni fa

La denuncia

"In un Paese come l'Italia dove l'85% delle merci per arrivare sugli scaffali viaggia su strada, l'aumento dei prezzi di benzina e gasolio ha un effetto valanga sui costi delle imprese e sulla spesa di consumatori con il rischio di alimentare psicosi, accaparramenti e speculazioni". E' quanto afferma la Coldiretti in riferimento alle grandi difficoltà dell'autotrasporto per l'aumento del costo dei carburanti che si estendono all'intera filiera agroalimentare, dai campi all'industria di trasformazione fino alla conservazione e alla distribuzione. "Occorre intervenire nell'immediato per contenere i costi energetici delle attività produttive e distributive essenziali al Paese contrastando i fenomeni speculativi chiaramente in atto con lo stop dell'autotrasporto che - sottolinea la Coldiretti - può provocare danni incalcolabili alla filiera agroalimentare mettendo a rischio i prodotti più' deperibili, dall'ortofrutta al latte, dalla carne al pesce ma anche alimentando una pericolosa psicosi negli acquisti sugli scaffali dei supermercati".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?