Competenze multidisciplinari sottoforma di approfondimenti tematici, webinar e podcast per orientarsi negli inediti scenari giuridici ed economici della crisi da Coronavirus. È l’iniziativa dello studio legale DLA Piper, che ha ideato e dato vita al progetto ‘UpAgain’. DLA Piper è uno dei più principali studi legali del mondo, presente direttamente o attraverso relationship firm in 66 Paesi. In Italia lo studio, grazie a 57 soci e oltre 250 avvocati e professionisti, ha superato in Italia i 100 milioni di euro di ricavi, in aumento del 15,4% rispetto all’esercizio precedente.

Dopo aver supportato pro bono i propri clienti con una task force multidisciplinare (appositamente creata il 24 febbraio), che ha aiutato le aziende a fronteggiare le tematiche legali insorte improvvisamente con il manifestarsi dell’epidemia, ora DLA Piper intende accompagnare le imprese nel graduale percorso di ripresa verso una situazione – per quanto possibile – di ‘business as usual’.

"In questi mesi difficili – spiega Bruno Giuffrè (in primo piano a destra nella foto con i soci dello studio legale), country managing partner per l’Italia di DLA Piper – come studio ci siamo impegnati per aiutare i nostri clienti ad affrontare un problema sistemico di enormi proporzioni con tutta la forza del nostro team e con la varietà e profondità delle nostre competenze multidisciplinari. Nei giorni immediatamente successivi all’esplosione della crisi sanitaria, abbiamo creato una task force di professionisti, che si sono concentrati sullo studio della normativa emergenziale per affrontare con i nostri clienti tutte le incertezze interpretative e applicative che si sono subito poste e che hanno investito il sistema produttivo e l’intera società, nel momento in cui la crisi costringeva al lockdown".

Ha così preso forma ‘UpAgain’, un progetto di consulenza integrata che abbraccia gli stessi ambiti che hanno occupato principalmente le imprese durante l’emergenza – diritto del lavoro, tributario, contrattuale, assicurazioni, finanza, privacy e tecnologie – con una prospettiva diversa e un orizzonte temporale più ampio, man mano che gli obiettivi si sposteranno dall’iniziale necessità di garantire la continuità aziendale verso la ricerca di una nuova normalità, di nuovi mercati, di nuovi servizi e prodotti, di nuove strategie. UpAgain vedrà anche una sezione dedicata del sito www.dlapiper.com nella quale saranno pubblicati approfondimenti tematici in 12 diverse aree, curati dai professionisti dello studio legale DLA Piper. Gli approfondimenti sono su temi come amministrazione, assicurazione e rischi aziendali, contratti commerciali e internazionali, cultura, sport, turismo e terzo settore, finanza, risorse umane, impresa, società e crisi, life science, privacy e tecnologie, real estate, responsabilità e contenziosi e, infine, tasse.

"Il progetto UpAgain – continua Giuffrè – che abbiamo lanciato all’inizio della fase 2 dopo una gestazione di molte settimane, si pone in continuità con il lavoro della task force che ha operato nel periodo del lockdown stretto, con una ideale proiezione verso il futuro quantomeno di medio periodo, in cui ancora si avvertiranno gli effetti della pandemia e nel contempo si dovrà ripensare strategicamente il modo di fare impresa. Dato che ogni settore ha le sue specificità ed è stato impattato in modi anche molto diversi dalla crisi sanitaria e dalla normativa emergenziale, il piano editoriale di UpAgain ambisce a toccare tutte queste specificità e a fornire una chiave di lettura giuridica dei principali fenomeni socio-economici che è prevedibile si manifesteranno (si stanno già manifestando) nel post-coronavirus".