Piazza Affari (Newpress)
Piazza Affari (Newpress)

Milano, 11 marzo 2020 - Nervi saldi e sangue freddo. Non è facile conservare la calma mentre le Borse continuano a bruciare montagne di denaro, ma è il consiglio migliore per i risparmiatori. Dopo il lunedì nero che ha fatto bruciare all’Europa oltre 600 miliardi di euro, ieri, a Piazza Affari, la burrasca è continuata, con un altro -3,3%. Spread in lieve calo a quota 212. E ora? La tentazione di vendere tutto e realizzare è forte. Sarebbe, però, due volte sbagliato. Primo, perché si rischia un bagno di sangue finanziario, considerando l’andamento dei titoli azionari. Secondo, perché nel medio periodo le cose cambieranno. E, dopo lo shock, tutti si aspettano per lo meno un rimbalzo.

È vero che i titoli azionari oggi rappresentano un forte rischio. Ma chi conosce bene il mercato sa che il momento giusto per comprare è quando i prezzi sono bassi, puntando su società solide, con bilanci e fondamentali in regola. E ancora: i Btp italiani, con l’1,48% di rendimento sono sicuramente più appetibili rispetto agli interessi negativi dei bund tedeschi. Anche considerando il brutto momento che attraversa la Germania.

Potrebbero tornare di moda anche i bond: i tassi sono bassi, certo, ma nei prossimi giorni anche la Bce dovrebbe seguire le orme della Fed e cominciare ad inondare le banche di liquidità.
Nel portafoglio del risparmio ai tempi del Coronavirus non possono mancare i beni rifugio. A cominciare dall’oro, riparo per eccellenza quando c’è bufera.
Le sue quotazioni potrebbero balzare fino a 1.800 dollari. Così come potrebbero difendere le proprie posizioni monete forti come lo yen e il franco svizzero.

 1 -VALUTE Il franco svizzero meglio dell’euro

Le valute rifugio restano importanti in un portafoglio che cerchi di limitare la volatilità. Secondo gli analisti di Ubp meglio il franco svizzero rispetto a euro e anche al dollaro

2 - AZIONARIATO Alla ricerca di titoli con solidi dividendI

Secondo Dje Capital bisogna puntare su azioni che abbiano dividendi solidi e sostenibili, come possono essere quelle di molte utilities multiservizi che pagano dividendi alti. Anche solide azioni europee possono far evitare all’investitore la bufera che sta arrivando negli Stati Uniti

3 - A PIAZZA AFFARI Attenzione alla volatilità

Alcune società, come Lemanik, prevedono «un’altissima volatilità» delle azioni italiane. La chiave è selezionare «titoli con bilanci forti, con pochi debiti e modelli di business sul lungo termine»

4 - CHI PUÒ SALIRE La farmaceutica sugli scudi

Oltre alle multiservizi e alle aziende che si occupano di energia sostenibile, tra i comparti che potrebbero avere delle performance interessanti in questo frangente, ci sono i titoli farmaceutici, si legge nei consigli di Cfi (Consulenza finanziaria indipendente) 

5 - MERCATI Gli emergenti ritardano la ripresa

Le pandemie globali sono spesso accompagnate da recessioni. Goldman Sachs ritiene che il Coronavirus ritarderà la crescita dei Paesi emergenti, a partire dalla Cina. Occhio, quindi, a bilanciare i portafogli

6 - PETROLIO Ci vuole prudenza ma potrebbe stupire

Il petrolio è in un momento non felice. Eppure, secondo gli analisti di Ubs, «gli sviluppi non precludono del tutto a un taglio della produzione» che possa «sorprendere 
in positivo i mercati». Tuttavia, un accordo del genere non è per nulla scontato, per cui è bene fare attenzione

7 - ORO E PREZIOSI Continua la corsa al rialzo

Nonostante la flessione di ieri, l’oro ha inanellato una serie di rialzi (fino a 1.700 dollari l’oncia) che lo rende interessante come bene rifugio. La recessione globale potrebbe favorire questo trend

8 - TITOLI DI STATO Dopo la fiammata vanno tenuti d’occhio

La reazione dei mercati è stata emotiva, per molti versi: lo spread si è infiammato (anche se ieri è sceso leggermente), ma è un’impennata che non ha solide basi economiche. Dunque, il rendimento a 1,48% dei Btp può essere ancora una opportunità da sfruttare

9 - BOND Si attendono le mosse della Bce

I tassi sono già ai minimi, ma molti analisti pensano che, già nella riunione di domani, la Bce possa decidere di rafforzare gli acquisto di bond per sostenere la fiducia 
e i mercati