Siglato con tutte le organizzazioni sindacali il rinnovo del contratto collettivo di lavoro per il personale non dirigente di Poste Italiane, valido fino al 31 dicembre 2023. L’azienda precisa che l’accordo prevede un aumento complessivo medio mensile di 110 euro pro capite e il pagamento di una tantum per il recupero del biennio 2020-2021. E’ stato confermato inoltre il piano di assistenza sanitaria integrativa per tutti i dipendenti ed è stato rivisto il sistema delle relazioni industriali, alla luce dei processi di digitalizzazione in atto, con attenzione alle prestazioni effettuate in modalità agile. L’intesa pone, nell’anno segnato dalla pandemia, le basi per affrontare le nuove sfide del mercato. L’accordo tra le parti rafforza l’attenzione alla difesa dei diritti dei lavoratori, alla loro sicurezza e alla stabilità economica.