Inps ancora sotto i riflettori. Questa volta è per il rosso registrato nel bilancio di assestamento per il 2020 che proprio a causa della pandemia arriva a 26 miliardi, in netto peggioramento rispetto alle stime originarie: 19,6 miliardi rispetto ai 6,4 miliardi attesi. La gestione economica dell’Istituto presenta questo risultato come frutto della differenza tra il valore della produzione di 360.691 milioni ed il suo costo di 386.834 milioni, al netto di ulteriori 122 milioni di euro per altri proventi ed oneri. La nota sui conti dell’Inps relativa al bilancio preventivo per l’anno in corso è stata approvata giovedì dopo il parere positivo del Collegio dei Sindaci.